L’Aula della Camera riprenderà l’esame del ddl intercettazioni nella settimana tra il 18 ed il 22 giugno. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo su richiesta del Pdl. La riunione era in programma per definire appunto il calendario dei lavori alla Camera. 

Il Pdl ha indicato l’esame del provvedimento come prioritario dopo che il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha fatto presente che le materie da trattare erano moltissime (4 decreti legge, 13 proposte di legge, diverse autorizzazioni all’uso delle intercettazioni) e che quindi era necessario scegliere tra i provvedimenti da esaminare. Il disegno di legge sulle intercettazioni era rimasto “congelato” dal 6 ottobre scorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charles Taylor, il carcere è per sempre

next
Articolo Successivo

Dell’Utri, nuovo processo per concorso esterno al via il 18 luglio

next