Io non ho paura“, il corteo nazionale organizzato dagli studenti brindisini per ricordare la morte di Melissa Bassi, uccisa da un ordigno davanti all’Istituto professionale Morvillo Falcone il 19 maggio scorso sfila per le vie di Brindisi. Piove ma il maltempo non ha fermato i migliaia di giovani e non che si sono dati appuntamento in Viale Togliatti davanti alla scuola teatro dell’attentato. Gli studenti brindisini hanno allestito un gazebo distribuito magliette bianche con la grande scritta in nero “Io non ho paura”. Francesca, una degli almeno diecimila che si sono radunati spiega: “Noi oggi vogliamo gridare la nostra rabbia ma cominciare da qui e dalla scuola un percorso di legalità sul territorio”. Nel capoluogo pugliese sono arrivati decine di pullman da tutta Italia messi a disposizione da associazioni e da enti locali. Oltre alle sigle studentesche hanno aderito fra anche Libera, Rete della Conoscenza, Cgil e Arci

Il corteo termina in piazza Vittoria dove per l’occasione è stato allestito un palco. Per lasciare spazio e dare voce agli studenti di Brindisi, pochi sono gli interventi dal palco delle associazioni e dalle casse non risuonerà alcuna musica, ma solo la voce delle compagne e dei compagni di scuola di Melissa e delle altre ragazze ferite. Gli organizzatori però spiegano: “Il corteo non vuole essere una marcia funebre, non vuole evocare tristezza e paura, ma anzi sarà quanto più colorato possibile”. A tale scopo agli studenti è stato chiesto di sfilare con palloncini colorati e di dipingersi le mani come “segno di chi non vuole essere sopraffatto dalla paura e chiede con forza un riscatto concreto”.

Intanto nell’atrio della scuola è stata celebrata una messa da don Giuseppe Satriano, vicario generale del vescovo, monsignor Rocco Talucci. Mentre al termine della cerimonia del 160esimo della fondazione della Polizia di Stato nel piazzale interno della questura a Brindisi è stato rispettato il silenzio in memoria di Melissa. Durante la cerimonia, in maniera simbolica, è stato consegnato solo un riconoscimento per merito di servizio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa: “La casa costruita sulla roccia non cade. Grazie del sostegno, no mediocrità”

prev
Articolo Successivo

Attentato Brindisi, le indagini cambiano strada. Tramonta l’ipotesi “pazzo isolato”

next