Il saldo dei debiti della pubblica amministrazione è ormai indifferibile perchè altrimenti per non “far fallire lo stato si fanno fallire le aziende”. E’ quanto ha detto il presidente dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili), Paolo Buzzetti, alla trasmissione La telefonata di Belpietro sottolineando che la pubblica amministrazione deve alle imprese edili circa 19 miliardi di euro.

Bozzetti ha poi sottolineato che non si possono saldare i debiti della pubblica amministrazione con titoli di stato. Pagamenti simili non avrebbero effetti positivi per la crescita delle imprese e dell’occupazione.

Intanto è record assoluto per il debito pubblico italiano che a marzo ha toccato la soglia di 1.946,083 miliardi di euro. A febbraio era a quota 1.928,226 miliardi, a gennaio era stato toccato il precedente record con 1.934,980 miliardi. E’ quanto risulta dal Supplemento al Bollettino statistico della Banca d’Italia dedicato alla finanza pubblica.

Secondo un comunicato congiunto dei presidenti Adusbef e Federconsumatori, Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, il debito pubblico italiano “con la ‘cura Monti’ è aumentato di oltre 41 miliardi di euro, al ritmo di 9 miliardi al mese”. A dicembre 2011, si legge nella nota, quando il nuovo esecutivo ha cominciato il suo lavoro, il debito si attestava a 1.897,646 miliardi di euro, in calo rispetto a novembre. Oggi la somma “grava per 32.435 euro sulle spalle di ogni abitante e per 88.458 sulle spalle di ogni famiglia”, con un aumento pro capite imputabile al governo Monti “di 1.873 euro”. Adusbef e Federconsumatori tornano a chiedere la vendita di oro e riserve di Bankitalia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Grecia affossa le borse e fa impennare lo spread a quota 440

prev
Articolo Successivo

Istat: “Italia in recessione nel primo trimestre. Dato peggiore dal 2009”

next