Il procuratore capo della Repubblica di Modena, Vito Zincani, è piuttosto chiaro, lancia il sospetto che la paralisi della giustizia in Italia sia una scelta voluta, una scelta politica… Il suo sfogo è su tutti i giornali; il dubbio del cittadino comune è confermato, qualcuno rema contro. Pochi magistrati, fallimento dei riti alternativi, una dannosa rotazione fra diversi uffici, e se non esiste più la giustizia non esiste più lo stato. Parole leggere direi…

Nella stessa giornata, durante un convegno sulle infiltrazioni mafiose, il procuratore è ancora più chiaro. Un governo che indebolisce il falso in bilancio, lascia i magistrati senza forza, e poi sulle intercettazioni chiarisce con dati certi, qualcuno parlava di una popolazione con il telefono sotto controllo, ma in realtà nella provincia modenese i soggetti intercettati sono solo cinquecento su oltre 700.000 abitanti.

Sono contento di avere Vito Zincani come procuratore capo della mia città, ma ho una forte paura. Chi sarà il prossimo ministro della Giustizia?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bonaga e Bifo Berardi: “Non disperdere le proteste, oggi guardare oltre i cortili”

prev
Articolo Successivo

Imparare a leggere per voltare pagina

next