Claudio Lotito è stato condannato a 18 mesi di reclusione e a una multa di 40 mila euro dalla Corte d’Appello di Milano nel processo che lo vedeva accusato di aggiotaggio e ostacolo agli organi di vigilanza per la vicenda, del 2005, della compravendita dei titoli della società Lazio. Lotito si è visto ridurre la pena a 2 anni inflittagli in primo grado. Ridotta a 14 mesi e a una multa di 30 mila euro anche la condanna per l’imprenditore Roberto Mezzaroma che in primo grado era stato condannato a un anno e otto mesi di reclusione e a 55 mila euro di multa.

Secondo la ricostruzione del sostituto procuratore generale, Felice Isnardi, tra il presidente biancoceleste e il costruttore Mezzaroma, entrambi accusati di aggiotaggio manipolativo e informativo e ostacolo agli organi di vigilanza, ci sarebbe stato un accordo occulto per evitare il lancio dell’offerta pubblica d’acquisto sui titoli della società. I due, infatti, avrebbero messo in piedi un accordo ‘interpositorio’ che il 30 giugno 2005 portò l’imprenditore Mezzaroma ad acquistare il 14,6% di azioni della Lazio, per conto di Lotito. In tal modo il patron della Lazio non sarebbe figurato come reale titolare del pacchetto azionario, altrimenti, per legge, avrebbe dovuto lanciare l’Opa, in quanto aveva sforato il possesso del 30% delle quote. Sempre secondo la ricostruzione dell’accusa, in questo modo Lotito e Mezzaroma avrebbero fornito “una rappresentazione ingannevole al mercato, occultando un accordo e la vera identità del titolare delle azioni”. Nella sua requisitoria il sostituto Pg aveva spiegato che Lotito “era a conoscenza dell’obbligo di Opa ed era stato informato dal suo commercialista”. Le motivazioni dei giudici d’appello verranno depositate entro quindici giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A che servono davvero
i Cie?

prev
Articolo Successivo

Ostaggi Nigeria, D’Alema attacca Londra: “Blitz non ragionevole. Servono chiarimenti”

next