Avrebbe versato due finanziamenti per un totale di 300 mila euro non autorizzati dal consiglio di amministrazione e trasferito a San Marino il denaro di un cliente proveniente da altri reati. Sono queste le accuse contestate a Paolo Lelli, ex direttore di Ber Banca, nella richiesta di rinvio a giudizio depositata dai pm della procura di Bologna Antonella Scandellari e Antonello Gustapane. L’inchiesta riguarda l’istituto bancario, denominato Banco Emiliano Romagnolo (Ber), finito nel ciclone e poi acquistato da Banca Intesa.

Quattro gli indagati, per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio. Oltre a Paolo Lelli anche tre funzionari della banca, che veniva chiamata “la banca dei Paperoni”: Roberta Tattini, Sofia Limarzi e Maria Cristina Bertondini. In un altro filone di inchiesta risulta indagato da tempo Albano Guaraldi, ora presidente del Bologna e nel 2008 consigliere di Ber Banca. Ma per lui c’è la richiesta di archiviazione per insussistenza del fatto. Era indagato per violazione di un articolo del codice civile, infedeltà patrimoniale, cioè secondo l’ipotesi iniziale dei magistrati aveva causato un danno alla banca di cui era consigliere. Ma ora per gli inquirenti il fatto non sussiste.

I quattro sono indagati per il reato di appropriazione indebita. Secondo i pm avrebbero creato un ingiusto profitto ai loro clienti, abusando delle loro funzioni di dipendenti commerciali della banca. Avrebbero cioè utilizzato delle password di accesso alla rete informatica che consentiva di ottenere una disponibilità immediata di denaro, erogando così finanziamenti senza la delibera del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo; appropriandosi in questo modo delle somme, che a detta dei pm avrebbero cagionato un danno patrimoniale di rilevante gravità.

Tra il 2008 e il 2009 i quattro, secondo i pm, avrebbero versato dei finanziamenti per oltre 14 milioni di euro. In gran parte operazioni per recare “un ingiusto profitto” a clienti. Lelli è ritenuto responsabile per due operazioni: una di 50 mila euro e una di 250 mila. L’altro reato è il riciclaggio: il modenese Lelli è accusato di aver trasferito nel 2007 il denaro di un cliente alla Banca di San Marino per nasconderne la provenienza da reati (si parla di ingenti somme frutto di reati contro il patrimonio), poi di aver ceduto a quell’istituto certificati di deposito di Ber e con quei proventi aver finanziato altri clienti. Così facendo avrebbe violato i suoi doveri di informare sulla provenienza del denaro, facendolo anzi “ripulire” attraverso la Ber Banca con l’emissione di certificati di deposito, poi utilizzati per finanziare altri clienti. Di qui l’accusa di aver occultato l’identità del cliente, di avere violato le norme del registro antiriciclaggio, non segnalando all’organi di vigilanza il trasferimento del denaro.

Tra i danneggiati ci furono ricchi azionisti, ma anche correntisti comuni. Nella banca, ad esempio, erano stati depositati oltre 4 milioni di euro dell’eredità di Luciano Pavarotti. Persone offese sono il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la stessa Ber Banca Spa, nella persona del nuovo amministratore delegato pro tempore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

No Tav in 500 bloccano i binari a Bologna: cariche della polizia (gallery e video)

prev
Articolo Successivo

Bologna, per la prima volta in 20 anni salta il Master di giornalismo: pochi candidati

next