Nella prima pagina dell’ultimo domenicale, il responsabile del supplemento culturale del Sole 24 Ore Armando Massarenti si fa promotore di « una costituente della cultura… dove per “cultura” deve intendersi una concezione allargata che implichi educazione, istruzione, ricerca scientifica, conoscenza… dal momento che «cultura e ricerca sono due capisaldi della nostra Carta fondamentale».

Non ci si può non rallegrare se l’organo di Confindustria riconosce diritto di cittadinanza a un universo ‘altro’, per definizione ‘not for profit’, quale quello dei saperi.

L’entusiasmo, però, scema non appena si scorre il programma del secondo Summit arte-cultura che si tiene oggi a Milano, dove sarà presentato il documento programmatico per la costituente. Ci si trova di fronte a niente più che un programma di formazione professionale per operatori turistici e affini: si parla di Made in Italy, di arte e cultura come asset distintivi e competitivi, di problematiche del fund raising, del legame tra cultura e impresa, della misurabilità dell’indotto culturale, della logica di sistema e delle politiche territoriali che istituzioni e imprenditoria privata potrebbero attuare.

Si capisce allora che il summit riguarda specificamente i beni culturali ed è rivolto alle aziende e ai professionisti del settore. Un meeting aziendale come ce ne sono tanti, insomma, ma in un settore indubbiamente strategico per un Paese, come l’Italia, con un patrimonio artistico e archeologico straordinario e niente affatto valorizzato. Benissimo! Iniziativa assolutamente benemerita. Ma non è questo il punto.

Il problema è semmai: che c’entra tutto questo con la «Costituente della cultura»? E possono i beni culturali assommare «l’intera sfera della conoscenza» cui Massarenti fa riferimento nel documento programmatico?

Sorge il dubbio che i saperi teorici – scientifici o umanistici che siano – per guadagnare dignità e rispetto (dei giornali, del contribuente, dei governi) debbano convertirsi, armi e bagagli, all’idolatria della professionalizzazione. E che le scienze umane, le più inutili e improduttive, siano chiamate a contribuire, per quanto possono, alla rincorsa alla crescita economica del Paese; non a caso, nel progetto di Confindustria, il sapere umanistico si identifica tout court con i beni culturali. Anche a costo di abdicare alla propria identità più profonda: quella connaturata a una lunga tradizione di pensiero critico e astratto.

Le insidie sono, poi, dietro l’angolo quando si inseriscono tra i punti qualificanti del programma l’incremento della cultura del merito (che «deve attraversare tutte le fasi educative, formando i nuovi cittadini all’accettazione di precise regole per la valutazione dei ricercatori e dei loro progetti di studio») e la «forte apertura all’intervento dei privati nella gestione del patrimonio pubblico», anche con provvedimenti legislativi a sostegno dell’intervento privato attraverso un sistema di sgravi fiscali.

Sulla cultura del merito occorre intendersi: in assenza di criteri scientificamente attendibili e condivisi di valutazione dei ricercatori e dei loro progetti di studio, il merito è niente più che una scatola vuota o la foglia di fico del darwinismo sociale. Siamo proprio sicuri che la soluzione sia il mercato? Il privato che investe i propri capitali sarà davvero interessato al merito scientifico di un progetto? O non si preoccuperà piuttosto dei tassi di rendimento? E quanto questa preoccupazione inciderà sul piano più propriamente scientifico?

Sarebbe davvero bello assistere in Italia allo spettacolo inedito di una corsa alle donazioni private per il patrimonio pubblico; ma sta di fatto che da noi le imprese non hanno quasi mai manifestato l’intenzione di investire in questo ambito, quanto semmai il desiderio di privatizzare gli utili e socializzare le perdite.

Di tutto questo varrebbe la pena parlare, senza fare finta che esista un campo unitario e ‘neutro’ della cultura. Non è, insomma, una questione di essere dentro o fuori il sistema produttivo del Paese, non lo è nell’università come non lo è nell’ambito vasto della formazione e della cultura. Il problema è come si sta, dentro o fuori il mercato, a quale prezzo e con quali risultati.

di Tiziana Drago

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dulbecco: scienza
e sentimenti

next
Articolo Successivo

La storia di Peppino Impastato in teatro e in (web) tv

next