L'ex direttore del Tg1 Augusto Minzolini

Udienza oggi al tribunale del lavoro di Roma sul ricorso d’urgenza presentato dai legali di Augusto Minzolini, Federico Tedeschini e Nicola Petracca, per chiedere la sospensione della rimozione decisa dal cda Rai a carico dell’ex direttore del Tg1 e il suo reintegro alla guida della testata. Il giudice Giovanni Mimmo ha rinviato al 7 marzo invitando le parti a verificare la possibilità di un accordo transattivo.

”Il giudice – spiega Tedeschini – hapreso atto delle posizioni delle parti, confermate in udienza, e ha rinviato al 7 marzo invitando a valutare la possibilità di una eventuale proposta transattiva di accordo, che consenta di coprire il periodo che va dal momento in cui Minzolini è stato rimosso (il 13 dicembre 2011, ndr) al momento in cui verrà assunta la decisione in sede penale”. L’ex direttore del Tg1 è stato infatti rinviato a giudizio per peculato per la vicenda delle spese sostenute con la carta di credito aziendale: “E’ chiaro che se Minzolini verrà assolto – sottolinea Tedeschini – dovrà tornare un minuto dopo alla direzione del Tg1”. “A questo punto – conclude il legale – proveremo anche noi a studiare un’ipotesi di accordo, ma il pallino è nelle mani della Rai”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Minzolini, oggi l’udienza per il reintegro al Tg1. La Rai teme la sentenza del tribunale

next
Articolo Successivo

Anonymous oscura il sito della Binetti e di Miss Padania. E’ il “Fuck Politicians February”

next