Mi hanno molto sorpreso i numeri che ho letto su Millionaire a proposito di quanti pendolari esistano nel nostro Paese. Credevo che la cifra fosse molto ma molto più esigua. E invece scopro che sono oltre 26 milioni gli italiani pendolari, con 42 chilometri percorsi in media da ogni lavoratore. In realtà 30 minuti è il tempo più diffuso per lo spostamento, ma c’è anche un 3,4% che sostiene di metterci oltre un’ora di viaggio per arrivare sul posto di lavoro. Il 13% si sposta con i mezzi pubblici (e che mezzi), mentre l’83% preferisce l’auto (anche se fa capolino un timido 3% che sceglie la bicicletta).

Cifre impressionanti per un Paese che non riesce a garantire una qualità dello spostamento pendolare, con treni sempre più degradati e diradati. E c’è da dire che non c’è neppure nessuna politica che incentiva il telelavoro, fermo a numeri disarmanti rispetto agli altri Paesi europei. I telelavoratori italiani sono mosche bianche, come ho già scritto in un mio post di alcuni mesi fa raccontando la storia di Daniele che telelavora, ma a Parigi.

Ad oggi da noi solo il 3.9% della forza lavoro occupata telelavora (dati ManagerItalia). In tutto sono 800mila persone. Ma c’è di più. Non riesce a telelavorare neppure chi potrebbe farlo: secondo Isfol Plus in Italia appena il 7% dei dipendenti di aziende che prevedono questo tipo di contratto svolgono il telelavoro. Ma ci sarebbero oltre 2 milioni di lavoratori che vorrebbero “telelavorare” in futuro, se la loro aziende lo rendessero possibile.

Ma allora a chi fa paura il telelavoro? Soltanto alle aziende e alla loro volontà di controllo del tempo e dello spazio del lavoratore, che si spinge fino a pretendere che le “finte partite iva” (ovvero i lavoratori assunti con contratti a progetto) vivano comunque le prestazioni professionali esclusivamente in azienda? Oppure in fondo fa paura a noi stessi, ancorati ad un’idea del  lavoro tradizionale? I problemi del mondo del lavoro (quando c’è, considerando la grave crisi che stiamo vivendo) sono molteplici: incentivare il telelavoro potrebbe forse contribuire al miglioramento delle prestazioni professionali, del benessere del lavoratore e dell’ambiente circostante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Licenziamento per le giornaliste Rai incinte? Spunta la ‘clausola di gravidanza’

next
Articolo Successivo

Marcegaglia: “Basta ai sindacati che proteggono gli assenteisti”. Cgil: “Smentisca”

next