Questa volta il nostro spazio lo cediamo volentieri a due missionari comboniani che hanno trascorso e trascorrono le loro vite accanto agli “ultimi della terra” per usare una espressione che non piace ai neocinici, a quelli che vogliono rendere “flessibili” solo e sempre i loro vicini, a quelli che chiamanosfigatiquelli che non ce la fanno.

Ebbene, questi missionari hanno lavorato in Honduras e proprio in uno dei carceri di quel paese, in questi giorni, si è consumata una tragedia della disperazione e della miseria, con decine e decine di morti. Non è stata la prima volta: è una terra povera, di sfruttamento, di colonizzazione; proprio a qualche chilometro dal carcere, la Rai organizza L’isola dei Famosi, una finta lotta per la sopravvivenza accanto a una lotta vera.

Questo parallelo ha ispirato una lettera aperta alla Rai spedita dall’Honduras, con la preghiera di renderla pubblica. Magari la potrebbero leggere dal palco di Sanremo, oppure la ” cattolicissima” direttrice generale potrebbe disporre una sorta di “Par condicio” tra i tempi dedicati alla sfida sull’isola e quelli riservati alle tragedie che si consumano attorno ai finti naufraghi a tariffa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fornero: lo snobismo di chi dice “Non guardo tv”

next
Articolo Successivo

Belén e la crisi: quanta voglia di leggerezza

next