Sulla serata di Sanremo con Celentano condivido anche le virgole delle cronache di Andrea Scanzi. Non mi sono divertito più di tanto, e, a differenza di altre volte, neppure Celentano mi ha entusiasmato, non mi sono piaciuti  neanche gli inviti a chiudere Avvenire e Famiglia Cristiana.

Non mi sono piaciuti perchè non condivido appello alcuno a chiudere giornali, emittenti, siti, anche quelli che non sopporto. Fatta questa premessa solo una banda di dilettanti incapaci poteva pensare di chiamare Celentano e di mettergli la museruola. Ancora peggiore è stata la decisione di inviare un commissario a Sanremo, l’ex sottosegretario della Lega Marano, in qualità di supervisore delle prossime puntate.

Una simile corbelleria censoria non si era mai vista, forse la signora Lei ha temuto i fulmini vaticani, anche se abbiamo la sensazione che si sia trattato di un atto di piaggeria e di genuflessione” spontaneo e preventivo”, il che lo renderebbe ancora più penoso. “Peggio il bacon del buso” si direbbe dalle parti di casa mia, per significare che la toppa è persino peggiore dello strappo.

Si può pensare quello che si vuole di Sanremo e di Celentano, ma quanto è accaduto non ha giustificazione, espone la Rai al pubblico ludibrio, al ridicolo, alla ulteriore svalutazione del patrimonio aziendale.

Altro che commissariare Sanremo, piuttosto bisognerebbe commissariare questa Rai e dotarla di un gruppo dirigente che non sia la fedele espressione dei governi, dei partiti, delle logge più o meno consacrate. Monti ha appena detto no ai Giochi olimpici, non vorrá mica fermarsi, anche lui, davanti al cancello di viale Mazzini?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Rai non è (ancora)
la Bbc

prev
Articolo Successivo

Berlusconi: “Diffamazione senza limiti contro di me”. Poi ringrazia Napolitano sui giudici

next