Per una sorta di un  buffo e un po’ crudele paradosso storico, la Grecia, considerata la culla della democrazia, sta diventando  il suo cimitero, nel nome dei “mercati” finanziari e dei loro proconsoli, si chiamino Papademos, Merkel o Monti. Ho assistito l’altro ieri alla diretta delle manifestazioni e degli scontri di fronte al Parlamento ellenico. Colpisce la lunga durata e la grande estensione degli stessi, come pure il diffuso consenso alla violenza di piazza. E’ ovvio che non basteranno le forze della sempre più screditata e malvista Celere locale a contenere quello che sta diventando un moto di popolo.

Sono note le cause del disastro greco, che non è solo greco, ma mondiale. Condivido in linea di massima l’analisi di Marco Onado. Il popolo greco viene oggi sacrificato sull’altare della finanza. Non c’è alcuna speranza di riscatto e di ripresa, visto che il double dip incombe. Unica soluzione: un default di tipo argentino, con almeno il 75% di autoriduzione del debito e l’uscita immediata dall’area dell’euro, visto che l’Europa è in mano ai tedeschi, che impongono le loro folli scelte monetariste e recessive.

La sofisticazione della finanza e il suo completo sganciamento dall’economia reale trasformano un intero Paese in carne di porco per gli appetiti degli speculatori internazionali. Deve anche essere chiaro che i principali responsabili dell’indebitamento greco sono oggi gli stessi che promuovono la svendita del Paese, si tratti di potenze straniere che hanno fomentato l’abnorme crescita delle spese militari o delle caste imprenditoriali o politiche locali che hanno prosperato sull’evasione fiscale, la fuga dei capitali e il clientelismo più sfrenato.

Colpisce l’analogia con l’Italia e la forte somiglianza fra Monti e Papademos. Qui come lì la democrazia è sospesa, le elezioni politiche rinviate, i referendum osteggiati e non rispettati. Ci si deve inoltre interrogare,con Luciano Vasapollo, autore del libro Il risveglio dei maiali, sull’opportunità di mantenere i nostri Paesi in un sistema come quello dell’euro, pienamente funzionale alle economie più ricche dell’Europa e al potere della finanza.

Con ogni probabilità Monti si appresta a scendere in campo come perno di uno schieramento elettorale di “unità nazionale” all’insegna del capitale finanziario, su cui convergeranno, oltre al Terzo Polo, settori del PD e della destra, fra cui lo stesso Berlusconi, in cambio di guarentigie personali e la possibilità di continuare a svolgere un ruolo di rilievo. Tutti quanti interessati a salvare questo sistema che sta mandando a fondo non solo la Grecia, non solo l’Europa, ma l’intero pianeta. Si prevede quindi una lunga e difficile lotta di opposizione per far vincere infine le ragioni dell’umanità contro la dittatura della finanza e l’alleanza fra le varie caste. Speriamo che questo almeno sia chiaro a quanto rimane della sinistra italiana.

Se ci fossero, in Italia, una sinistra e un sindacato degni di questo nome, si sciopererebbe e si scenderebbe in piazza a fianco del popolo greco. Se ci fossero…

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Grecia non è l’Argentina

next
Articolo Successivo

Grecia, il Pil crolla del 7%
Quinto anno di recessione per Atene

next