Tavola di Giuseppe Palumbo da “L’arresto di Diabolik – Il Remake”,Tavola di Giuseppe Palumbo da “L’arresto di Diabolik – Il Remake”, edizione speciale in occasione dei 50 anni dalla nascita di Diabolik, di prossima pubblicazione per Astorina edizioni; ©Astorina Srl ©Astorina Srl

La leggenda narra che le sorelle Giussani abbiano pensato all’edizione tascabile del loro Diabolik osservando i pendolari di passaggio alla Stazione Cadorna di Milano. Forse quei pendolari adesso utilizzano il loro Iphone per leggere le avventure del ladro più famoso della storia del fumetto italiano. In ogni caso tutti gli appassionati quest’anno hanno qualcosa da festeggiare: i 50 anni di Diabolik.

La casa editrice Astorina ha già annunciato l’uscita di un’edizione speciale, L’arresto di Diabolik- Il Remake. Venerdì 27 sulle pagine di Saturno Andrea Scanzi coglierà l’occasione di questo anniversario per riflettere sui super latitanti dei giorni nostri e del passato più recente: dal mafioso Matteo Messina Denaro, che con l’anti-eroe a fumetti condivide il soprannome e l’età, ai più grotteschi faccendieri come Lele Mora e Valter Lavitola.

Lo scrittore Aldo Nove analizza la  percezione che della figura di Diabolik si è avuta nella storia italiana: il timore suscitato dal tono noir unito a un tocco rassicurante; la ripetitività delle sue avventure, il fascino della storia d’amore tra lui ed Eva Kant, che incuriosiva anche quando la censura incombeva sulla produzione culturale del paese.

E poi come ogni settimana troverete le recensioni di libri, mostre ed eventi culturali, le pagine multimediali di Saturno 2.0 e le rubriche di Alessandro Bergonzoni, Giovanni Pacchiano, Gianni Canova, Marco Filoni, Antonio Armano e Camilla Tagliabue.

Infine, chi pungerà la Vespa di Riccardo Chiaberge?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Critica della letteratura della migrazione

prev
Articolo Successivo

Nessuno legge più le quarte di copertina

next