A poche ore di distanza sono arrivate due conferme che il regime è più forte e più in sella che mai. A questo punto solo elezioni immediate che restituiscano al cittadino la possibilità di spazzare via questo Parlamento, ormai dichiaratamente complice della criminalità organizzata, può “salvare l’Italia”. Il referendum avrebbe consentito ai cittadini almeno di contarsi in un giudizio sulla partitocrazia più che altro simbolico (il Mattarellum infatti non è meglio delle “Porcata”), neppure questo è stato tollerato. Si vuole dunque che i cittadini tacciano, che la vita politica si contragga e immiserisca tutta nella dialettica tra il governo Napolitano-Monti-Passera e i poteri marci del berlusconismo, del marchionnismo e delle cricche e bande degli amici degli amici (il Pd, infatti, è come se non esistesse).

Ciascun cittadino deve prendere posizione, prima che sia troppo tardi. La Res Publica appartiene a ciascuno di noi, non può essere “Cosa Loro”.

No al parlamento dei camorristi! No alla Corte Costituzionale dell’inciucio! Elezioni subito! Firma anche tu!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bolzano: “In Italia prospettive pessime
Compriamoci la piena autonomia”

prev
Articolo Successivo

Lombardia, consigliere regionale Pd dal 2010
Il tribunale: ineleggibile, ricopriva altra carica

next