Un malore ha colpito il regista Pupi Avati, classe 1938, al Festival di Roma per partecipare alla presentazione del film documentario L’Illazione dedicato a Lelio Luttazzi. “Si è vero – ha detto all’Ansa il fratello del regista Antonio Avati – Pupi ha avuto un malore, speriamo lieve e ora è ricoverato per accertamenti all’ospedale Umberto I. Ci auguriamo sia una piccola cosa e che non si debba rinviare la presentazione al Festival del suo film Il cuore grande delle ragazze prevista per il primo novembre”.

Secondo quanto si apprende dalla famiglia Avati, il regista resterà sotto osservazione per almeno le prossime 24 ore ma sarebbero escluse conseguenze cardiologiche dell’accaduto. Il primo novembre secondo il calendario del Festival è in programma la prima del suo nuovo film in concorso Il Cuore Grande delle Ragazze, ispirato alla sua storia familiare, con protagonisti Cesare Cremonini e Michaela Ramazzotti con Gianni Cavina, Andrea Roncato, Erica Blanc.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il groove anni Settanta dei Calibro 35
Da Hollywood al Bronson di Ravenna

next
Articolo Successivo

La Russa fischiato al Roma Film Festival
“Amendola smentisca o è uno stronzo”

next