Un malore ha colpito il regista Pupi Avati, classe 1938, al Festival di Roma per partecipare alla presentazione del film documentario L’Illazione dedicato a Lelio Luttazzi. “Si è vero – ha detto all’Ansa il fratello del regista Antonio Avati – Pupi ha avuto un malore, speriamo lieve e ora è ricoverato per accertamenti all’ospedale Umberto I. Ci auguriamo sia una piccola cosa e che non si debba rinviare la presentazione al Festival del suo film Il cuore grande delle ragazze prevista per il primo novembre”.

Secondo quanto si apprende dalla famiglia Avati, il regista resterà sotto osservazione per almeno le prossime 24 ore ma sarebbero escluse conseguenze cardiologiche dell’accaduto. Il primo novembre secondo il calendario del Festival è in programma la prima del suo nuovo film in concorso Il Cuore Grande delle Ragazze, ispirato alla sua storia familiare, con protagonisti Cesare Cremonini e Michaela Ramazzotti con Gianni Cavina, Andrea Roncato, Erica Blanc.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il groove anni Settanta dei Calibro 35
Da Hollywood al Bronson di Ravenna

next
Articolo Successivo

La Russa fischiato al Roma Film Festival
“Amendola smentisca o è uno stronzo”

next