Le polemiche in corso a Bologna sull’eventuale partecipazione di alcune associazioni omosessuali alla Consulta per la famiglia sono il frutto di “una battaglia ideologica”. Ne è convinto Carlo Giovanardi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla famiglia, che ne ha parlato a Bologna a margine di un convegno di Confabitare.

“L’articolo 3 della Costituzione – ha spiegato Giovanardi – pone tutti sullo stesso piano ed è giustissimo. Io continuo a dire che le persone, qualunque orientamento sessuale abbiano debbano essere trattate in maniera uguale, debbano avere pari diritti sul luogo di lavoro, senza nessuna discriminazione. Questa battaglia – ha aggiunto, riferendosi alla Consulta bolognese – è di una minoranza del mondo gay, che non rappresenta la maggioranza dei gay e trasforma tutto in una battaglia ideologica”. Non si tratta, per Giovanardi, di una battaglia come quella “per la non discriminazione”. Ma di una simile a quelle, per esempio, “sull’accesso al matrimonio che diventa una battaglia ideologica, perché bisognerebbe cambiare la Costituzione”.

Il sottosegretario ha raccontato infine, di aver sentito, qualche giorno fa, “una proposta intelligente da parte dei notai italiani: hanno detto di essere a disposizione – ha proseguito – per i problemi successori, collegati a persone che vivono assieme”. Problemi che “possono benissimo essere risolti attraverso contratti privatistici senza imbarcarsi in questa battaglia che mi sembra ideologica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vasco racconta la malattia: “Molti ci lasciano la pelle, io ce l’ho fatta”

next
Articolo Successivo

Rottamatori, prossima stazione primarie. Civati: “Pronti con un candidato” (video)

next