Il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco

Silvio Berlusconi parla all’indomani del seminario delle organizzazioni cattoliche svoltosi a Todi e letto da molti esperti di analisi politica come una riunione propedeutica alla nascita di una nuova formazione. Un nuovo partito in grado di dare voce all’anima cattolica profondamente delusa dalle ultime vicende del Pdl e del suo capo.

Tutto falso, sostiene il premier, che attraverso una nota diffusa da Palazzo Chigi sostiene che “ancora una volta” c’è stata “una ridicola strumentalizzazione delle idee, trascinate nel consueto e grottesco teatrino della politica”. Nessuna critica all’esecutivo, dunque: l’interpretazione delle parole di Bagnasco come una “spallata” al governo finalizzata ad “impostare la politica in senso neodemocristiano e terzopolista” è frutto di un “rovesciamento della verità”. Anzi, la verità, sottolinea Berlusconi, è il contrario esatto. “Il convegno di Todi – spiega – si è concluso con la decisione di far lievitare la presenza dei cattolici nella società italiana, attraverso un forte impegno sulle questioni del lavoro, dell’accoglienza e della solidarietà”.

Poi il presidente del Consiglio ha speso parole di encomio nei confronti del presidente della Cei Angelo Bagnasco, che nelle ultime settimane non era certo stato tenero con il governo: “Il convegno è stato introdotto da uno splendido discorso del capo dei vescovi italiani in cui era esplicitamente e reiteratamente affermato che qualunque impegno dei cattolici deve fondarsi sui principi e sui valori in cui essi credono, a partire dai diritti non negoziabili della persona predicati con forza e intelligenza dalla dottrina della Chiesa, e in particolare da Papa Benedetto XVI”.

A dare man forte al premier sono arrivate anche le parole del coordinatore del Pdl Angelino Alfano, secondo il qualei cattolici continuano a identificarsi nel Pdl perché questo è il partito in cui “hanno trovato la difesa dei valori della vita e della famiglia, con scelte legislative vere”. Poi Alfano ha ribadito: “Non crediamo nella rinascita della Dc”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Minetti e indignados, la profanazione a orologeria

next
Articolo Successivo

Buoni o cattivi? Non è così semplice

next