Una copertina di The Clinic con la caricatura di Pinochet nei panni del CheSi chiama The Clinic e prende il nome dalla clinica londinese dove venne arrestato nell’ottobre 1998 Augusto Pinochet. E’ la rivista degli indignados cileni, anche se ormai è conosciuta in tutta l’America Latina. La più venduta del paese con 35 mila copie a settimana.

Satirica, irriverente, sempre contro tutti, governo e opposizione. Con una copertina arrivò persino a ironizzare sull’omosessualità di alcuni gerarchi della dittatura. Organizza eventi che fanno scandalo: come la prima gara nazionale di strip tease, vinta da un operaio. Ha un ristorante in franchising che è ormai uno dei luoghi di ritrovo dell’intellighenzia di Santiago. Dal suo esordio è sempre molto vicina a ogni movimento sociale, gay, ecologista, studentesco, a patto che porti un elemento di innovazione nella società. All’inizio dell’attuale protesta ha fatto uscire un numero speciale interamente scritto da un comitato editoriale composto da studenti.

Il direttore e fondatore, Patricio Fernández Chadwick, è un brillante quarantenne, con due romanzi al suo attivo, e che ha studiato storia dell’arte a Firenze. “Clinic nasce con pochi soldi come pamphlet. In parte mi sono ispirato alle riviste italiane Il Male e Cuore. Abbiamo sempre attaccato tutti con ironia: destra e sinistra. Oggi è l’unico giornale cileno vicino al movimento degli studenti. E l’unico di sinistra. Quello che sta succedendo in questi mesi in Cile è qualcosa di unico e molto interessante. É come un sessantotto. Con la sola differenza che gli obiettivi sono meno impossibili. I ragazzi stanno elaborando un modello nuovo di società per tutta l’America e anche una nuova sinistra, lontana dai vecchi schemi del novecento. E il bello è che tutto questo è possibile.”

Nella foto, una copertina della rivista The Clinic con la caricatura di Augusto Pinochet nei panni di Che Guevara. Per ingrandire clicca qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le toccate della Vezzali

next
Articolo Successivo

Santoro: “Mi aspetto uno scatto di orgoglio dai colleghi Rai, ma sono in ritardo”

next