“Cambieremo il nome del partito perché la denominazione Pdl non piace alla gente, lo chiameremo Forza Gnocca”, ha detto Silvio Berlusconi ai cronisti di Montecitorio in una delle sue solite imbarazzanti boutade. E così la giornata politica iniziata con il dibattito sulla indecente legge Bavaglio, sull’ennesimo declassamento dell’Italia da parte delle agenzie di rating e sul rapporto ai ferri corti tra premier e ministro dell’economia si sposta improvvisamente sul suo terreno preferito, il gergo da balera, che tanto diverte i suoi, ivi compreso il celodurileghista Bossi che all’indignazione dell’opposizione risponde: “Siete invidiosi”.

Sorge qualche dubbio:
– Mentre si tengono i funerali delle vittime di Barletta dove, ricorda il presidente Napolitano, “lavoravano in nero giovani donne per 3,95 euro all’ora”, non sarà che il fraseggio eroticopolitico del premier serva a distogliere l’opinione pubblica da questa ed altre tragedie nazionali?
– il senatore Paniz propone il carcere per i cronisti che pubblicano le intercettazioni. Non sarà una strategia per incentrare il dibattito sulla galera, fingere di accusare il colpo e fare marcia indietro e poi far passare, interamente, lo sciagurato e incostituzionale bavaglio?
– Non c’è giorno in cui non compaia una nuova escort o l’ennesima rivelazione sulle disavventure sessuali del premier. Non sarà una tecnica per centrale l’attenzione sui suoi “puttanai” piuttosto che sulle sue “puttanate”?

A pensar male – diceva un altro presidente del consiglio di lungo corso ma quantomeno di più garbata ironia – si fa peccato ma spesso ci si azzecca…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

La Lega zittisce la deputata Pd Codurelli: “Fatti scopare che è meglio”

next
Articolo Successivo

Montezemolo: “L’Italia è sul ciglio
del burrone, basta con il partito dei padroni”

next