Ricordate i proclami gelminiani dell’autunno scorso? “L’università sarà più meritocratica, trasparente, competitiva e internazionale”. Gelmini arrivò al punto di affermare, con supremo sprezzo del ridicolo, che chi protestava difendeva i baroni. La legge è stata approvata da mesi: che fine hanno fatto i baroni? E i contestatori?

La legge Gelmini obbliga gli atenei a riscrivere gli statuti. Tutti i poteri passano al consiglio di amministrazione (cda):  il Senato Accademico, tempio del potere baronale, viene ridotto al rango di organo consultivo.

Ma la ministra Gelmini sotto sotto è una tenerona e non se l’è sentita di abbandonare così i poveri baroni: nella sua legge ha previsto gli statuti siano riscritti da commissioni designate proprio dagli attuali organi di governo universitari.

Molti atenei hanno così designato commissioni a maggioranza blindata, che scrivono statuti che cambiano tutto affinché nulla cambi: ad esempio, affidando a Rettori e/o Senati Accademici il potere di designare i futuri cda.

Quest’anno, però, c’è una novità: i baroni non sono più i soli a prendere la parola. Ci sono ricercatori, studenti e rari professori illuminati che, freschi delle proteste anti-Gelmini, chiedono che i cda siano eletti in modo trasparente e democratico: per coinvolgere l’intero personale dell’ateneo nelle decisioni hanno inventato il referendum autogestito.

La prima è stata Bologna: a fine giugno più di 2200 persone hanno cliccato sui quesiti online proposti dal coordinamento intersindacale e una schiacciante maggioranza ha detto quattro sì alle proposte alternative a quella del rettore Dionigi, ma il Senato non se ne è dato per inteso e ha approvato ugualmente.

La partita è invece ancora aperta alla Statale di Milano, dove più di 400 persone hanno riempito i questionari e a larghissima maggioranza hanno respinto la bozza di statuto caldeggiata dal rettore ed ex presidente della CRUI Decleva.

A Perugia l’establishment ha proposto una bozza nella quale il Senato sarà a maggioranza non elettiva e il cda totalmente non elettivo. Anche qui, alcuni volenterosi hanno appena promosso una consultazione autogestita e oltre 600 votanti hanno inflitto una sonora bocciatura alla proposta della commissione ufficiale.

All’Università di Torino la lotta è iniziata a gennaio, con una petizione per chiedere che la commissione di riscrittura fosse elettiva e non designata dall’alto: ottiene più di 800 firme, stampate su uno striscione rosa lungo oltre 20 metri, srotolato e consegnato al rettore nel bel mezzo dell’inaugurazione dell’anno accademico. La richiesta non viene accolta e la commissione viene designata, ma il sottoscritto ottiene il raro privilegio di entrarvi.

Il conflitto scoppia nuovamente a giugno: la commissione partorisce a colpi di maggioranza una bozza di statuto che prevede una rappresentanza studentesca sotto i minimi di legge, e un cda interamente designato dal Senato. La reazione? Dimissioni del sottoscritto dalla commissione, e lancio di una petizione con proposte alternative: raccoglie 1100 firme. Non basta: a luglio, circa 300 persone vanno a presidiare una seduta del Senato Accademico. Vista la situazione, il Senato si convince obtorto collo a votare una proposta di mediazione che invita la commissione a modificare la bozza, aumentando la rappresentanza studentesca e prevedendo un cda elettivo. La battaglia sembra vinta…

A settembre i ricercatori organizzano ugualmente una consultazione dell’ateneo per garantire a tutti il diritto di esprimersi sulla bozza di statuto. Quasi 1200 persone chiedono di parteciparvi, anche se per problemi tecnici non riusciranno a votare tutti. Ma mentre le urne telematiche sono aperte, ecco il colpo di scena: in una seduta surreale, il 20 settembre la commissione con una risicatissima maggioranza di 7 a 5 si rifiuta di ratificare la proposta di mediazione del Senato, adducendo argomentazioni del tipo “il cda è un organo tecnico e bisogna scegliere i più competenti” e che l’elettorato “non è in grado di giudicare al meglio chi è più competente”!

La prossima puntata della telenovela torinese? Il 27 settembre, quando il Senato Accademico si riunirà per approvare uno statuto impresentabile. Stay tuned!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Niscemi in lotta contro le parabole
volute dall’esercito degli Stati Uniti

next
Articolo Successivo

La Notte dei Ricercatori si accende in Rete

next