Una decina di giovani del centro sociale Cantiere di Milano ha fatto irruzione negli uffici della sede locale dell’agenzia di rating Standard & Poor’s, in vicolo San Giovanni sul Muro. “Noi non lo paghiamo il vostro debito”, hanno spiegato i ragazzi ai dipendenti dell’agenzia che hanno assistito al fuori programma. E ancora: “Se proprio dobbiamo avere un debito pro capite di 30mila euro, permetteteci almeno di spenderli”. I manifestanti hanno inoltre distribuito facsimili di carte di credito, sul retro dei quali denunciano “banchieri truffatori, affaristi strozzini” e tutti coloro che – secondo quanto dichiarato – avrebbero causato la crisi economica. Mentre il blitz procedeva sotto gli occhi delle forze dell’ordine, all’esterno dell’edificio una trentina di persone ha acceso fumogeni ed esposto alcuni striscioni con la scritta “You are the pigs” (voi siete i maiali), in risposta all’acronimo utilizzato per i Paesi europei considerati economicamente meno affidabili dalle agenzie di rating. Tutto si è concluso nel giro di un’ora. Lasciando la palazzina, i giovani del Cantiere hanno dato a appuntamento a domani, per il ‘no banks day’ in piazza Affari davanti alla Borsa. Video di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lerner: “Porcellum? No, Grazie”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi, Tg1, Tg2 e Tg5 ignorano le intercettazioni

next