Mi scuso per il ritardo di un’ora ma sono appena rientrato dalla Toscana, dalla Versilia, dove ieri sera si è conclusa, molto tardi tra l’altro, la festa di tre giorni del Fatto Quotidiano.

E’ stato un weekend importante, c’è stato il Cozza Day di Beppe Grillo, naturalmente oscurato dai giornali tranne il nostro, che gli ha dedicato due pagine, e devo dire che l’immagine della cozza, come ieri ha ricordato Santoro dal suo intervento alla festa del Fatto, è piuttosto felice perché effettivamente la cozza rappresenta bene questo sistema chiuso, incrostato, incitato, la cozza attaccata ossessivamente allo scoglio, quella distesa di cozze che vediamo spesso appiccicate ai cordoni immersi nel mare… Leggi tutto

Tratto da www.beppegrillo.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Wikileaks, chi ha ragione sul PasswordGate?

prev
Articolo Successivo

L’Italia di Berlusconi secondo il NyT
“L’agonia e il bunga-bunga”

next