Piuttosto acceso il primo Consiglio comunale dell’ex “Stalingrado d’Italia” dopo la pausa estiva. E dopo l’inchiesta per tangenti che ha coinvolto anche l’ex sindaco Filippo Penati. Il primo cittadino Giorgio Oldrini è stato pesantemente contestato durante la seduta dedicata, tra le altre cose, proprio alla discussione del Piano di intervento integrato sulle aree Falck. Mentre stava per prendere la parola, dai banchi riservati al pubblico si è levata la contestazione: un coro di “dimissioni, dimissioni”, animato soprattutto da esponenti del movimento “Giovani padani”. Gli stessi che poi hanno esposto due grandi striscioni con scritto: “Noi sestesi rapinati, voi amici di Penati” e “Foeura de ball”. La polizia ha poi mandato via i manifestanti.

Ma gli esponenti del Carroccio non sono stati i soli a esprimere critiche nei confronti di Oldrini. Da più parti tra i cittadini che hanno deciso di presenziare alla seduta del Consiglio, si levavano accuse verso “i politici chiacchieroni che tirano solo l’acqua al proprio mulino”.

C’era anche Piero Di Caterina, l’imprenditore sestese che per primo, con le sue dichiarazioni, ha fatto partire l’inchiesta sul giro di tangenti. E che, ancora una volta, ha confermato le sue accuse che coinvolgono anche Penati: si tratta di un sistema strutturato, per cui i vertici “non potevano non sapere”, ha commentato Di Caterina.

Durante la seduta i consiglieri del Pdl hanno accusato la giunta di aver aumentato, nel corso dei numerosi passaggi di proprietà, le volumetrie delle ex acciaierie Falck. Oldrini, però, non pare proprio intenzionato a cedere la sua poltrone: “Non vedo perché mai dovrei fare un passo indietro, io non ho ricevuto nessun avviso di garanzia”. Anzi, ha aggiunto il sindaco, “proprio in un momento difficile come questo penso che sia importante assumersi le proprie responsabilità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tettamanzi, Milano saluta
il “cardinale degli ultimi”

prev
Articolo Successivo

Atrani, dove alle prime piogge si teme il disastro. E con i tagli di B. niente prevenzione

next