Inflazione record in Italia. Il dato ad agosto raggiunge il 2,8% dal 2,7% di luglio, toccando il valore più alto da ottobre 2008. Lo rileva l’Istat, sottolineando che i prezzi al consumo sono cresciuti dello 0,3% rispetto a luglio.

Secondo le stime di Eurostat, ufficio europeo di statistica, nei paesi della zona dell’euro invece, l’inflazione nello stesso mese è rimasta stabile al 2,5%. La prossima stima è attesa per il 15 settembre prossimo.

La crescita dell’inflazione ad agosto (+2,8% i prezzi a fronte del 2,7% di luglio) è stata trainata dall’andamento dei beni energetici non regolamentati e dai servizi relativi ai trasporti. I prezzi dei beni energetici non regolamentati (carburanti e gasolio per riscaldamento), rileva l’Istat, sono cresciuti dello 0,9% su luglio e del 15,5% su agosto 2010. La benzina in particolare ad agosto è aumentata dell’1,1% congiunturale e del 16% rispetto ad agosto 2010.

Un impatto significativo sull’andamento complessivo dei prezzi è stato dato anche dai servizi relativi ai trasporti con un aumento dei prezzi del 2,5% rispetto a luglio e del 5,7% rispetto ad agosto 2010.

L’Istat sottolinea che l’inflazione acquisita nel 2011 è pari al 2,6%.

Al netto dei soli beni energetici il tasso di crescita tendenziale dell’indice dei prezzi al consumo resta stazionario al 2,1%. Nel mese, spiegano i tecnici Istat – il principale effetto di sostegno alla dinamica dell’indice generale (al 2,8% a fronte del 2,7% di luglio) deriva infatti dall’aumento congiunturale dello 0,9% dei prezzi dei beni energetici non regolamentati che determina un’ulteriore accelerazione del loro tasso tendenziale di crescita (15,5% a fronte del 13,6% di luglio). In forte aumento anche i prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+2,5% congiunturale) mentre si registra un effetto di contenimento dell’inflazione dalla diminuzione congiunturale dei prezzi dei beni alimentari non lavorati (-0,4%).

A livello congiunturale sono aumentati in modo consistente i prezzi dei tabacchi (+1,1%). A livello tendenziale oltre ai beni energetici non regolamentati (+15,5%) sono cresciuti i prezzi dei beni energetici regolamentati (+6,4%) e dei tabacchi (+4,5%). I beni alimentari hanno registrato una variazione nulla rispetto ad agosto e un aumento del 2,2% rispetto ad agosto 2010. I servizi relativi all’abitazione hanno registrato un aumento dello 0,1% su luglio e del 2,2% su agosto 2010.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ultime ore di svendite su Amazon
Poi gli sconti sui libri bloccati per legge

prev
Articolo Successivo

Manovra, una risata
li seppellirà

next