Agosto 1991: perché fallì il sogno sovietico? Sul prossimo numero di “Saturno”, in edicola domani, venerdì 29 luglio, Marco Onado ricostruisce ascesa e declino dell’Urss, fino al crollo del muro e alla bancarotta. L’economia che aveva tentato di realizzare il marxismo in un paese arretrato, che aveva aumentato la propria capacità industriale fino a resistere a Hitler e all’America, fallì perché non riuscì a produrre lavatrici, automobili e blue-jeans.

E oggi, agosto 2011, anche gli Stati Uniti rischiano di fare la stessa fine degli ex rivali. Lo storico Alessandro Barbero analizza il caso di Filippo II di Spagna, sovrano di un impero su cui non tramontava mai il sole, che riuscì a dichiarare bancarotta ben tre volte in quarantadue anni di regno. Che farà Obama per non portare l’America al crack?

E ancora, sul numero di “Saturno” in edicola domani, un’intervista a Rüdiger Wischenbart, il più famoso talent-scout letterario d’Europa: cosa leggeremo quest’autunno? Quali saranno i prossimi bestseller da importazione? Ancora gialli nordici o…?

Non perdete poi il gioco dell’estate: tutti sono invitati a partecipare e intervenire sul sito di “Saturno”. Infine, il cinema di Gianni Canova, la musica di Enzo Gentile, la filosofia di Marco Filoni, il teatro di Camilla Tagliabue e, come sempre, le rubriche di Alessandro Bergonzoni e Michela Murgia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salviamo le Alpi dai libri di Mauro Corona

prev
Articolo Successivo

Cercasi ricetta economica per l’America

next