La stampa internazionale si pone l’interrogativo, tra malizie anglosassoni anti-euro ed anti-Ue (il WSJ dà l’esempio: “La Bce dovrà affrontare grossi iceberg”, annuncia come nella locandina di un ‘remake’, con Mario Draghi nel ruolo di Leonardo Di Caprio). E anche se i segnali da Bruxelles sono una sfilza di dichiarazioni rassicuranti, la telefonata della Merkel a Berlusconi –“Silvio, vara in fretta la manovra”- e l’appello di Napolitano alla “coesione nazionale” suonano come campanelli d’allarme (o, almeno, d’inquietudine).

Hanno un bel testimoniare fiducia all’Italia il ministro delle finanze tedesco Schauble, secondo cui “l’Italia non è un problema”, e il presidente di turno del Consiglio Ecofin, il polacco Rostowski, secondo cui “la situazione italiana è sotto buon controllo”, e tutti gli altri ministri della zona euro, che hanno già abbastanza grattacapi con la Grecia per non volerne dall’Italia. Ma, secondo l’FT, i mercati “scommettono contro i buoni italiani” e il governo Berlusconi “indebolito ne teme gli attacchi”. L’Economist vede un “gioco dei birilli in salsa italiana: “per quanto improbabile possa essere, se la crisi dell’euro raggiunge l’Italia”, che è la terza economia della moneta unica, “i risultati potrebbero essere da cataclisma”. Il Daily Mail si chiede se “la crisi dell’euro inghiottirà ora l’Italia”, dopo Atene, Dublino e Lisbona.

In discussione, non sono tanto i fondamentali dell’economia italiana, al di là del debito esagerato (120% del Pil!) e della crescita stitica (solo 0,1% nel primo trimestre), ma è la scarsa credibilità di un governo litigioso e impopolare sempre “nella tormenta di uno scandalo politico o finanziario” o altro (Les Echos), soprattutto ora che il dubbio lambisce Tremonti. Ed El Pais si chiede se l’Italia sia “troppo grande” per essere attaccata o “troppo corrotta” per non esserlo. Le voci della domenica di un vertice finanziario a Bruxelles sul ‘caso Italia’, sono prima smentite e poi ridimensionate dai fatti: s’è trattato della consueta riunione settilmanale fra il presidente del Consiglio europeo Van Rompuy e il presidente della Commissione europea Barroso, allargato però al presidente dell’eurogruppo Juncker e al commissario all’economia Rehn, nell’imminenza della riunione dell’eurogruppo. Dove Tremonti si presenta pieno di fastidi, ma con un grado in più sulle spalline: é diventato coordinatore dei ministri dell’economia del Ppe, i ‘democristiani’ dell’Ue, al posto del finlandese Jyrki Katainen, promosso premier nel suo paese. Che Giulio s’immagini un percorso analogo? La condizione è che le previsioni catastrofiche di Times e Telegraph, Figaro e Les Echos, El Pais ed El Mundo non si verifichino: “Bisogna proteggere Roma e Madrid”, i giornali snocciolano il loro rosario, ed “evitare che il contagio della Grecia raggiunga l’Italia”, il cui dissesto costerebbe – calcola El Economista – un miliardo di euro.

Che fare? “Italia e Spagna devono pregare per un miracolo”. Siamo a posto: se la congrega dei ministri democristaini europei è dalla nostra, pregare è il loro forte. E pazienza per quei mangiapreti dei socialisti spagnoli, ché per loro non prega nessuno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia, vittima perfetta degli attacchi
speculativi degli hedge fund

next
Articolo Successivo

Piazza Affari perde quasi il 4%
nel lunedì nero di tutti i listini europei

next