Nel giorno in cui lo spread tra i Btp italiani e i bund tedeschi a dieci anni segna il suo record, soffre Piazza Affari: l’indice Ftse Mib a un’ora dalla chiusura scivola, unico in Europa, del 3,8%. Segnali che l’Italia è sempre più considerata dai mercati “l’anello debole” dei paesi periferici dell’Unione europea. Il differenziale di rendimento tra Btp e bund sale al nuovo massimo storico, 245 punti base. Questo significa un rendimento dei nostri titoli a dieci anni del 5,36%. Questi numeri possono essere tradotti, complessivamente, in una sfiducia diffusa sulla solvibilità del nostro debito. Non siamo ai livelli della Grecia, i cui titoli di stato sono arrivati a percentuali di rendimento del 20% e ora si attestano al 17. Nemmeno a quelli di Portogallo e Irlanda, che oscillano intorno al 13%. E’ però un fatto che l’Italia sia più legata a questo gruppo (quello dei cosiddetti Pigs) piuttosto che a quello virtuoso dell’Unione europea. Lo spread della Francia, per fare un esempio, è dello 0,52% con tassi che arrivo a malapena al 3,49%.

Male i titoli bancari, Unicredit a -8% – A trascinare al ribasso la Borsa sono soprattutto i titoli bancari e assicurativi. A guidare i ribassi è Unicredit che, dopo essere stato sospeso per eccesso di ribasso, lascia sul terreno l’8%. Secondo rumors l’istituto di Piazza Cordusio non esclude l’ipotesi di ricapitalizzazione. Male le popolari: Bpm -6,98%, Banco Popolare perde il 6,98%. Unico titolo del paniere di riferimento positivo è Bulgari, che segna un marginale rialzo dello 0,08%.

Consob: “Monitoraggio stretto del mercato” – Un monitoraggio stretto dell’andamento di Borsa nella mattinata di oggi è stato predisposto dalla Consob. Sotto osservazione, in particolare, i titoli del settore bancario, finiti sotto pressione, ma anche FonSai. Ad una prima valutazione a caldo le nuove tensioni sulla Borsa di Milano sembrano attribuibili al contesto di incertezza che caratterizza l’attuale fase di mercato e alla conseguente iper-reazione degli operatori, considerata “probabilmente eccessiva”. Tra gli altri fattori che hanno contribuito ad amplificare i ribassi anche gli stop-loss, i meccanismi automatici di vendita che scattano al superamento di soglie predeterminate di prezzo.

Sotto pressione anche i titoli a breve – La paura di un contagio della crisi del debito nell’Eurozona continua a tenere sotto pressione anche i titoli di Stato a breve dell’Italia con il tasso del biennale salito di 10 punti base al 3,42%. Per i bond a 2 anni della Grecia si registra intanto un nuovo record con il rendimento balzato di oltre 160 punti base al 30,40% per riportarsi poco sopra il 29%. In tensione anche i titoli di Stato della Spagna: il tasso del bond decennale è salito di 6 punti base al 5,67% e lo spread con il bund si è ampliato oltre 271 punti.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’economia è
una scienza dura?

next
Articolo Successivo

Mediatori civili, alla fine spunta Cepu

next