“Non vogliamo un paese a cazzo di cane”. Gli omosessuali di tutto il mondo radunati a Roma per l’Europride 2011 usano la celebre espressione del telefilm Boris per dire basta con le politiche discriminatorie verso gli omosessuali e all’omofobia. “Vogliamo essere un paese come tutti gli altri, l’Italia è la pecora nera in Europa nel campo dei diritti umani”, dice un ragazzo, esponente di Arcigay. “Si può anche rivedere il concetto di famiglia”, dichiara un genitore delle famiglie arcobaleno.
Video di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mai, mai, mai” il rap referendario del Piotta

next
Articolo Successivo

Europride, Lady Gaga: “Siamo qui per difendere l’amore”

next