Scomparsa, prelevata dalla sua abitazione e nascosta in un luogo segreto. Nei giorni degli scontri in Siria a fare le spese della repressione sono anche le voci libere. Questa volta è toccato ad Amina Arraf, più nota come Amina Abdallah, blogger dalla doppia nazionalità siriana e americana, curatrice della pagina in inglese “A gay girl in Damascus”, arrestata a Damasco da agenti della polizia segreta.

A denunciare la scomparsa di Amina la cugina, dalle pagine dello stesso blog. La donna ha precisato che Amina è stata fermata da tre agenti in borghese armati e costretta a entrare nella loro auto nei pressi della piazza degli Abbasidi della capitale siriana.

Figlia di un’americana e di un siriano, Amina ha la doppia cittadinanza e ha vissuto a lungo negli Stati Uniti. Era tornata in Siria nell’estate 2010 e sul suo blog raccontava la vita di una ragazza omossessule in Siria, dove l’omossessualità è considerata un reato come in gran parte dei Paesi arabi.

Dallo scoppio delle proteste anti-regime nel marzo scorso e con la conseguente espulsione di gran parte dei giornalisti stanieri dalla Siria, il blog di Amina era diventato una delle fonti di notizie più importanti per la stampa internazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yemen, “il presidente Saleh è grave”, scricchiola il potere del governo

next
Articolo Successivo

Ma davvero a Londra il Parlamento “funziona”?

next