Una volta c’era Pascal a scommettere su Dio, ora a scommettere sul calcio c’è Signori, che “un signore” non parrebbe proprio essere. Insomma, più di qualcosa è cambiato, e in peggio: “Uno che ruba per mangiare lo capisco, uno che ruba per ingrassare lo odio”, scrive un tifoso atalantino dell’(ex)idolo Cristiano Doni.

Qualsiasi tifoso degno di tal nome – chi ha scommesso sapendo della combine, ovviamente, non lo è – oggi non può non sentirsi preso per il culo: altro che salvezza, promozione o scudetto, per cosa abbiamo davvero sperato, imprecato, esultato e smadonnato fino a pochi giorni fa? “Cristo, pietà”, nemmeno possiamo dirlo, ce l’ha già scippato Beppe: ” Signori: Pietà”, battono le agenzie.

Che fare, dunque? Mentre la giustizia farà – si spera – giustizia, servirebbe uno sciopero del tifo a oltranza: al netto della maglia e della fede, farsi un esame collettivo di coscienza sportiva e decidere che A, B, C sono solo lettere truccate, non serie per cui credere, gioire e sportivamente morire. Avremo, non dico il coraggio, ma la semplice ragione per farlo? Ovviamente no, e questo dice molto di come le emozioni oggi siano – consapevolmente, a questo punto – in svendita dalla realtà, anzi, di come siano colpevolmente indifferenti alla realtà delle cose: sugli spalti, davanti alla tv, che cosa abbiamo tifato e che cosa continueremo a tifare? Il tabellino di un’associazione a delinquere o l’imprevedibilità del gioco?

Già la lettera dei nomi coinvolti fa propendere per la prima ipotesi: Doni i doni parrebbe farli più al suo portafoglio che all’Atalanta; Bettarini è già stato diviso in due: Bet-tarini; Signori è Venghino Signori, perché rien ne va plus, les jueux sont faits, chiedere a “zingari”, “albanesi” e “bolognesi” per credere.

Se la giustizia confermerà, su tutte credo un’immagine rimarrà indelebile: 19 marzo 2011, Doni che alza la maglia e dedica al padre  il suo primo gol su rigore al Piacenza (3 a 0, una comica triste e truffaldina). Alla Festa del Papà non si comanda, viceversa, il calcio si può comandare?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E’ finito il campionato. Bruttissimo

next
Articolo Successivo

Calcioscommesse, i bookmakers
avevano già denunciato puntate sospette

next