Non bastano le rassicurazioni di scienziati e sismologi. A Roma, zona Piazza Vittorio, molti negozi sono chiusi dopo la leggenda rilanciata in rete di un terremoto che oggi 11 maggio avrebbe dovuto radere al suolo la Capitale. Profezia che viene erroneamente attribuita a Raffaele Bendandi, uno studioso morto negli anni ’70. Così, da via Emanuele filiberto a Piazza Vittorio, da via dello Statuto a via Principe Amedeo, è una processione di serrande abbassate. “Per motivi di famiglia”, s’intende.
Riprese di David Perluigi, montaggio Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telese: “Lacrime ‘Napulitane’. E Libero bastona il Presidente”

next
Articolo Successivo

Benvenuti a Lampedusa!

next