La Finanza cattura Feliciano Mallardo, capo del clan omonimo (foto Ansa)

Un’operazione anti camorra ha portato all’arresto di Feliciano Mallardo, detto “o’ sfregiato”, ritenuto l’attuale capo dell’omonimo clan camorrista di Giugliano. I blitz, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, sono stati condotti questa mattina da 500 militari della Guardia di Finanza dei comandi provinciali di Roma e Napoli.

Sono stati sequestrati beni per un valore complessivo stimato di 600 milioni di euro, tra cui circa 900 immobili, 23 aziende, 200 conti correnti bancari, auto e moto di lusso e partecipazioni societarie. Degli appartamenti sequestrati, 300 si trovano a Roma. I beni sono proprietà di affiliati e prestanome dei clan camorristici dei Casalesi e Mallardo, quest’ultimo attivo nel Giuglianese. Oltre a Mallardo, sono state arrestate altre sei persone con l’accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso. Dalle indagini è emerso che i due gruppi criminali avevano investito enormi somme di denaro a Roma dove ormai i Mallardo hanno dirottato gran parte dei loro interessi. Tra i beni sequestrati c’è anche uno stabilimento per la torrefazione del caffè di Castel Volturno. Secondo gli investigatori il caffè ‘Seddio’ veniva “imposto” a moltissimi bar del Casertano e del basso Lazio.

Le aziende del clan avevano acquisto il controllo di interi settori economici: non solo produzione e commercializzazione del caffè, ma anche centri scommesse, commercio all’ingrosso di bibite e prodotti parafarmaceutici.  Nel settore edile gli arrestati hanno effettuato, per conto del clan Mallardo, speculazioni edilizie e costituito numerose società immobiliari operanti soprattutto in Provincia di Roma.  Le Fiamme Gialle di Roma stanno apponendo i sigilli anche su alcuni cantieri edili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Il libro che la Lega non ti farebbe mai leggere’
Il sindaco veneto del Carroccio lo censura

next
Articolo Successivo

La Germania ammonisce l’Italia: “Non si lamenti, i migranti sono andati altrove”

next