La deputata Paola Concia è stata apostrofata per strada come “lesbica di m…”. Di recente, intervenendo alla manifestazione organizzata da Michela Brambilla, Silvio Berlusconi ha affermato: “Ognuno di noi ha il 25% di omosessualità. La mia percentuale omosex è lesbica”. Perchè allora il presidente del Consiglio, per affinità di preferenze, non le ha espresso per primo la sua solidarietà?

Ironia a parte, l’aggressione verbale ai danni della deputata Paola Concia è un fatto grave e purtroppo non casuale, e appartiene al triste spirito dei tempi: poco più di due settimane fa, non per strada ma in un’aula parlamentare, la disabile Ileana Argentin è stata aggredita verbalmente da un deputato leghista con un “handicappata di m…”.

Un fil rouge lega questi ed altri inqualificabili episodi: un clima di volgarità dilagante, di esibizionismi, di aggressioni verso ogni forma di diversità, di assenza di rispetto per la libertà di scelta delle persone. Per questo è auspicabile non solo che si approvi al più presto una legge contro l’omofobia, ma che dai media parta una campagna di sensibilizzazione. Nel senso esattamente contrario a quello indicato poco tempo fa da Massimo Polledri, anch’egli deputato della Lega e neuropsichiatra infantile (poveri bambini) che, a tutela del pudore, ha affermato: “Basta baci omosessuali ed eterosessuali in tv dalle 8.30 alle 21.30”

Molto presto per effetto del “Lodo Priapo” saranno ammessi solo i baci nelle ville del Cavaliere (eterosessuali per carità!) e quelli alla statuetta portata in processione negli afterparty.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il paziente italiano

next
Articolo Successivo

Pena di morte, Londra mette al bando
l’export di sostanze per l’iniezione letale

next