freedom party for amnestyLa musica italiana si mobilita per la causa della libertà in Nordafrica. Mercoledì 20 aprile, presso il Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica, ci sarà una serata dedicata al vento di libertà che arriva dal Nord Africa e a sostegno di Amnesty International, l’organizzazione per i diritti umani che proprio quest’anno compie 50 anni.

Freedom Party for Amnesty è un modo per raccogliere le energie creative e le idee su quello che sta accadendo a pochi chilometri da noi. L’onda inarrestabile di libertà che sta investendo quei paesi deve essere amplificata dalla musica che, da sempre, sa comunicare le emozioni alla gente comune. Con il supporto de Il Fatto Quotidiano, e la direzione artistica di Paolo Cobianchi, insieme all’Associazione Culturale Ticto, Editori Riuniti e Mei d’autore, alla web agency Kiui, al sito di wish-lists Tivoglioregalare.it, a MusicaControcorrente e a ErrecomeRoma si esibiranno:

Paolo Belli, i Qbeta, gli Yo Yo Mundi, Areamag, Luca Bussoletti, Carmine Torchia e la Marcosbanda intervallati da interventi di grande interesse.

Presentati dal giornalista de Il Fatto Quotidiano Luca Telese, sono previsti il portavoce di Amnesty International per l’Italia Riccardo Noury e altri ospiti d’eccezione. Un bellissimo momento di arte e di informazione ma anche un’ottima occasione per fare della beneficenza. L’intero incasso, infatti, sarà devoluto ad Amnesty International – sezione italiana – a supporto delle attività in cantiere per il 2011.

L’evento su Facebook

Ingrandisci la locandina

Acquista il biglietto online

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La lotta dei Nuclei Armati Proletari

next
Articolo Successivo

Nevermind ha cambiato la storia del Rock

next