Un incendio divampato all’interno del centro di accoglienza di Lampedusa è stato spento dagli uomini dei vigili del fuoco. Da questa mattina nel centro è esplosa la protesta dei migranti che devono essere rimpatriati. Alcuni tunisini sono fuggiti dal centro.

Da due degli edifici del centro si è alzata una colonna di fumo mentre centinaia di migranti hanno tentato di fuggire sulle colline antistanti. Almeno una cinquantina sono riusciti ad allontanarsi mentre altri sono stati fermati dai militari che presidiavano le colline. Un altro consistente gruppo di migranti si trova invece nei pressi dell’ingresso del centro dove sono schierate anche le forze dell’ordine.

L’incendio si è sviluppato nell’edificio principale della struttura che si trova in contrada Imbriacola. La tensione all’interno del centro resta comunque molto tesa: le forze dell’ordine stanno cercando di riportare la calma anche se i migranti continuano a urlare libertà e chiedere di essere trasferiti in Italia e non di essere rimpatriati in Libia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Millantato credito e prostituzione minorile, arrestato l’ex prefetto di Napoli Ferrigno

next
Articolo Successivo

Maroni, “Mi chiedo se abbia senso
rimanere nell’Ue”

next