Silvio forever non è un film politico”. Così Gian Antonio Stella gela il pubblico in sala del cinema Quattro Fontane a Roma. Gli autori del documentario (i registi Roberto Faenza e Filippo Macelloni, gli sceneggiatori Stella e Rizzo) sgombrano il campo da ogni dubbio, a costo di “scontentare il pubblico militante”. “Berlusconi è un personaggio formidabile, da commedia dell’arte”, ha dichiarato Sergio Rizzo. L’obiettivo del film? “Capire come e perchè Berlusconi ha saputo toccare certe corde intime del Paese”. Servizio di David Perluigi, montaggio Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Libia, La Russa: “Non ci sono divisioni nella maggioranza”

next
Articolo Successivo

A Milano Sinistra e associazioni in piazza contro la guerra in Libia

next