Beji Caid Sebsi è stato nominato nuovo primo ministro tunisino, per sostituire Mohammed Ghannouchi che ha rassegnato oggi le dimissioni. Lo ha annunciato il presidente tunisino ad interim.

Intanto il ministro degli Esteri francese, Michele Alliot-Marie, si è dimessa a causa delle polemiche relative ai suoi legami con il regime del deposto presidente tunisino Ben Ali. Annunciando le dimissioni, Alliot-Marie si è difesa sostenendo di non aver commesso alcun illecito. Le polemiche erano nate da un suo viaggio di fine anno in Tunisia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia, gli Usa: “Pronti ad aiutare gli oppositori del regime”

prev
Articolo Successivo

La ‘ndrangheta famosa anche a Londra

next