All’alba di stamattina, 150 statue in tutta Roma hanno mostrato la propria indignazione indossando dei cartelli per chiedere al Paese di far vedere che esiste un’Italia diversa. “Nessun dorma, svegliamoci”, “C’è un’Italia che non chiude gi occhi” e poi “Il corpo dell’Italia non è in vendita”, “Pietrificata da questo ciarpame” e ancora, in inglese, “Italy: there’s more than bunga bunga”, sono i messaggi lanciati dal gruppo dei Nessun Dorma, cittadini stanchi di vedere il proprio Paese deriso a livello internazionale e preoccupati per l’immobilità della politica di fronte ai problemi reali. “Dopo le statue – dichiara il gruppo – ora tocca a tutti noi, persone in carne e ossa, alzarci in piedi e riprendere in mano il nostro destino. Tutti in piazze il 13 febbraio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le voci del Popolo viola ad Arcore

next
Articolo Successivo

Beha: “Arcore e stadio Ferraris, due facce della stessa Italia”

next