Ragazzi, tanti. Tantissimi. Sì, è vero, l’appuntamento nasce come una due giorni di Generazione Italia. Ma ora è altro; ora è il reale battesimo di “Futuro e libertà”. Eppure, qui a Bastia Umbra, quello che colpisce è l’età media dei seimila presenti e il loro entusiasmo: a cavallo dei trent’anni, sono arrivati da tutto il paese con mezzi propri. Di soldi non ce n’è. “Un esempio? – spiega uno degli organizzatori – Gran parte di tutto questo è stato pagato con le quote associative di Generazione Italia: siamo 200mila iscritti a dieci euro a testa. Si faccia i conti”. Ecco, più o meno la convention è costata tra i 130mila e i 160 mila euro, quindi sono gli under 30 ad aver consentito a Gianfranco Fini e i suoi di diventare grandi. E ancora: ci sono tanti G2, ovvero la seconda generazione, i figli degli immigrati ora diventati italiani. “Sa qual è l’aspetto più bello? – spiega l’onorevole Flavia Perina – E’ che conosco pochissimi dei presenti: qui c’è gente diversa, in cerca di una nuova politica”. Vero. E per scoprirlo basta chiedere in giro “chi sei”, “da dove vieni” o “qual è la tua storia politica”. Le risposte sono le più diverse: c’è molta An, parti del Pdl e tanti neofiti. Un po’ sembra di stare al primo congresso di Sinistra e Libertà, due settimane fa a Firenze. Per carità, le differenze esistono ancora tra sinistra e destra, però meno di prima: sia nell’appuntamento toscano che in questo umbro si toccano temi simili e sensibilità affini, dalla giustizia alla legalità; dall’ecologia ai diritti dell’uomo. Il tema dell’omosessualità è uno dei più gettonati. E Silvio Berlusconi è meglio nominarlo a bassa voce se non si vogliono stimolare insulti o amare riflessioni. Il tutto racchiuso dall’entusiasmo del voler esserci, del voler tornare a parlare di politica. Oltre questi ultimi diciassette anni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Bocchino lancia la convention di Fli:
“Fini protagonista della Terza Repubblica”

next
Articolo Successivo

Vendola a Milano: “la sconfitta del centrosinistra non è stata elettorale”

next