/ / di

Tomaso Montanari Tomaso Montanari

Tomaso Montanari

Storico dell'arte

Sono nato nel 1971 a Firenze, dove vivo. Studio il Barocco romano, e insegno Storia dell’Arte Moderna all’Università ‘Federico II’ di Napoli.

Sono convinto che gli storici dell’arte servano a fare entrare le opere d’arte nella vita intellettuale ed emotiva di chi si occupa di tutt’altro.

Penso anche che l’amore per la storia dell’arte non debba essere un fatto privato (o peggio un’evasione, o un modo per non pensare), ma pubblico e ‘politico’. L’articolo 9 della Costituzione ha, infatti, mutato irreversibilmente il ruolo del patrimonio storico e artistico italiano, facendone un segno visibile della sovranità dei cittadini, dell’unità nazionale, e dell’eguaglianza costituzionale, perché ciascuno di noi (povero o ricco, uomo o donna, cattolico o musulmano, colto o incolto) ne è egualmente proprietario.

Ma tutto questo è assai difficile da capire, perché oggi la storia dell’arte non è più un sapere critico, ma un’industria dell’intrattenimento ‘culturale’ (e dunque fattore di alienazione, di regressione intellettuale e di programmatico ottundimento del senso critico). Strumentalizzata dal potere politico e religioso, banalizzata dai media e sfruttata dall’università, la storia dell’arte è ormai una escort di lusso della vita culturale.

È per questo che oggi non basta fare ricerca e insegnare, ed è per questo che ho scritto A cosa serve Michelangelo? (Einaudi 2011), La madre dei Caravaggio è sempre incinta (Skira 2012), Le pietre e il popolo (minimum fax 2013), Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà (minimum fax 2014).

Collaboro col “Fatto” e col “Corriere della Sera” nel dorso del Mezzogiorno. Collaboravo anche al “Corriere fiorentino”, ma il mio libro Le pietre e il popolo, dedicato in parte all’uso del patrimonio culturale come arma di distrazione di massa da parte di Matteo Renzi mi ha messo fuori «dalla linea del giornale». Pazienza: mi sono consolato col premio Giorgio Bassani di Italia Nostra per il giornalismo culturale, e con la coccarda di Commendatore, assegnatami – dopo la denuncia del saccheggio della biblioteca napoletana dei Girolamini – dal Presidente della Repubblica, «per l’impegno a difesa del nostro patrimonio».

Blog di Tomaso Montanari

Cronaca - 28 novembre 2012

Michelangelo a San Vittore, che senso ha?

La giunta Pisapia ha deciso di rinnovare il Museo del Castello Sforzesco. I lavori dureranno fino al 2014 e costeranno 6 milioni di euro, donati da Cariplo. Si può discutere sul merito delle scelte museografiche, e ci si può chiedere se il patrimonio artistico milanese non avesse altre priorità: ma va lodata la rara scelta […]
Cultura - 19 novembre 2012

Beni culturali: Italia Nostra premia le inchieste, Ornaghi querela

Ieri a Ferrara ho ricevuto – anche per i miei articoli apparsi sul «Il Fatto Quotidiano» e su questo blog – il Premio Nazionale Giorgio Bassani destinato ogni due anni da Italia Nostra a uno scrittore/giornalista che si sia distinto per i propri scritti a favore della tutela del patrimonio storico, artistico, naturale, paesaggistico del […]
Politica - 17 novembre 2012

Cultura, gli Stati generali della retorica

I ripetuti, forti e argomentati “vergogna!” che giovedì hanno clamorosamente cambiato l’agenda dei cosiddetti Stati generali della cultura sono l’unico risultato concreto (ma imprevisto e imbarazzante) della retorica sulla ‘costituente della cultura’ che il Sole 24 Ore alimenta ossessivamente da nove mesi. Ma la montagna ha partorito un topolino interessante. Il parterre schierato sul palco del […]
Cultura - 10 novembre 2012

Da Leonardo a Scervino, l’ego di Renzi nel Salone dei Cinquecento

Per molto tempo, Matteo Renzi è stato una forma senza contenuto. E la forma era seducente: la contestazione generazionale di un potere ossificato e nefasto. Essendo sindaco di Firenze, quella contrapposizione colpiva inevitabilmente il potere della locale soprintendenza (enorme, immobile, torbido). All’inizio sembrava che a questa (provvidenziale) pars destruens, sarebbe seguita un’innovazione. Io stesso ho […]
Ambiente & Veleni - 23 ottobre 2012

Il governo dei tecnici del cemento

Da giorni gli addetti ai lavori litigano sull’interpretazione della nuova regolamentazione delle autorizzazioni edilizie in aree sottoposte a tutela. Per essere un articolo di un disegno di legge «sulla semplificazione», e scritto da un governo tecnico, non c’è male. Per le associazioni ambientaliste, la norma apre un varco alla cementificazione anche delle porzioni protette del nostro martoriato […]
Cultura - 19 ottobre 2012

Melandri Maxxi, Ornaghi mini

«Ho scelto come nuovo presidente del Maxxi l’ex ministro per i Beni culturali che ha avuto il merito di avviarne il progetto ed intuirne le potenzialità», ha dichiarato Lorenzo Ornaghi, sommerso da un diluvio bipartisan di censure per l’inconsulta nomina di Giovanna Melandri alla guida del maggior museo di arte contemporanea italiano. Non fa una […]
Cultura - 15 ottobre 2012

Soprintendenze: eclissi di Roma

Giulia Maria Mozzoni Crespi, la carismatica fondatrice del FAI (Fondo Ambiente Italiano), non si stanca di dire che non si parla abbastanza dello stato comatoso in cui versano le soprintendenze italiane. Ha perfettamente ragione: se le scuole, le università o le forze dell’ordine vivono assai al di sotto della minima soglia di dignità ed efficienza, […]
Cultura - 11 ottobre 2012

I musei non si chiudono, manca solo la carta igienica

Quando parlo con i miei colleghi universitari francesi o americani dei ‘tagli alla cultura’ italiani, la domanda più ricorrente è: «cosa hanno chiuso?». E qui la faccenda si fa particolarmente penosa, perché si tratta di spiegare loro che l’ipocrisia italica non permette quasi mai di sopprimere davvero qualcosa – sarebbe quasi meglio, paradossalmente –, ma […]
Cultura - 8 ottobre 2012

Raffaello verso Picasso: il marketing delle emozioni

A Vicenza torna in questi giorni visibile, dopo un lungo e felice restauro, la Basilica di Palladio: cioè il simbolo stesso della tensione del Rinascimento verso la dimensione civile dell’architettura, verso la bellezza al servizio di un progetto politico, verso l’arte come specchio di una comunità. Bene: e nella Vicenza del 2012, cosa ne facciamo […]
Cultura - 19 settembre 2012

Renzi e la soap opera del Leonardo fantasma

“Sto con Marchionne senza se e senza ma”, diceva Matteo Renzi qualche mese fa: e il ragazzo è coerente. Mentre Marchionne è costretto a smontare la bufala industriale del piano ‘Fabbrica Italia’, il suo fan fiorentino deve sbaraccare, più modestamente, i casotti di tubi innocenti da cui dava la caccia al Leonardo fantasma di Palazzo […]
Verona-Palermo, il consigliere leghista: “Finalmente il Verona gioca in Africa”
Taranto, tromba d’aria sull’Ilva (video). Almeno 38 feriti, si cerca un disperso

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×

Garantire la libertà de ilfattoquotidiano.it costa il prezzo di un cappuccino alla settimana.
Sostieni il nostro giornalismo a 60 euro l’anno o 5,99 euro al mese.

Diventa sostenitore
×