/ / di

Massimiliano Sfregola Massimiliano Sfregola

Massimiliano Sfregola

Giornalista

Romano, classe ’78. Giornalista freelance, blogger e (saltuariamente) traduttore. Con una laurea in Scienze Politiche in tasca, sono fuggito a Londra nel 2005, qualche anno prima dei cervelli. Però a master e prestigiosi stage in azienda, ho preferito l’osservazione partecipante della fauna metropolitana dell’East End; tra hipsters e baby gang di adolescenti pakistani, turisti Ryan del weekend diretti al “Fabric” – leggendario club specializzato in musica elettronica- e subculture della diaspora caraibica nel South West ho scritto storie per il Manifesto, Liberazione, Carta, Left, Terra e sul Socialist Worker, storico settimanale di sinistra britannico. Nel 2008, all’alba della crisi, sono fuggito dalla capitale dell (ex) impero per riparare nella capitale di un altro (ex) impero: ad Amsterdam, invece delle gang pakistane ho trovato gang marocchine, turisti della “canna” al posto di quelli del clubbing, subculture della diaspora antilliana invece di quella caraibica. E da allora ho raccontato le mie storie anche sull’Espresso online, sul Fatto Quotidiano e su Pagina 99.

A volte osservatore (delocalizzato) di vicende italiane, altre corrispondente dai Paesi Bassi, scrivo dei diritti di chi non ha diritti, di culture urbane, droghe e disuguaglianze e tanto (ma tanto) altro.

Seguo, quando accade qualcosa, le vicende giudiziarie della Corte Penale Internazionale – CPI (International Criminal Court – ICC) con sede all’Aja. Tutti temi leggeri, insomma. Ho una passione sfrenata per la geo-politica, per la commedia trash italiana e per la Drum n Bass (per i comuni mortali: musica elettronica inglese).

E si, la foto nel profilo è un’auto-parodia: vesto, infatti, in giacca e cravatta solo in occasione di matrimoni e cresime.

Articoli di Massimiliano Sfregola

Mondo - 14 settembre 2013

Corte penale Aja: “Non abbiamo alcuna giurisdizione su vicende interne siriane”

Mentre prosegue il “batti e ribatti” diplomatico tra Stati Uniti e Russia, a proposito dell’intervento militare in Siria, inizia a farsi strada sull’ampio fronte del non-interventismo l’ipotesi di concretizzare una soluzione pacifica al conflitto attraverso il giudizio della Corte penale internazionale dell’Aja. Ma dal suo ufficio all’Aja, Cuno Tarfusser, membro del collegio giudicante e vice-presidente […]
Cervelli in fuga - 17 agosto 2013

Rototom, il festival fuggito in Spagna. “In Italia situazione insostenibile”

“L’Italia non è un paese per giovani”. Forse neanche per i festival che animano l’estate in tanti altri Paesi europei, dall’Olanda alla Spagna. Ed è proprio qui che è approdata una delle manifestazioni musicali e socio-culturali più famose nate in Italia e poi costretta a trasferirsi altrove. Si tratta del Rototom Sunsplash, il più importante evento […]
Cervelli in fuga - 19 gennaio 2013

Berlino, sogno low cost dei giovani d’Europa. E così aumentano i prezzi

Brandeburgo Il cielo sopra Berlino ne avrebbe di storia da raccontare: frontiera politica ed ideologica dei due mondi nella seconda metà del Secolo Breve è diventata dai tempi della caduta del muro in poi la patria mondiale della cultura underground; dall’anarco-punk di Kreuzberg negli anni ’80 alla sofisticata techno dei debosciati party senza fine del Berghain, […]
Cervelli in fuga - 22 dicembre 2012

Amsterdam (poco) bohemièn: “Solo le multinazionali realizzano i sogni”

Sexyland Amsterdam Il comune di Amsterdam è impegnato ormai da tempo nel tentativo di lavare via la sua celebre (e blasonata) facciata di capitale della perdizione legale fatta di sesso a pagamento tassato, viaggi psichedelici da banco e feste in squat legali: via artisti squattrinati, bohemien e rumorosi gruppi di “backpackers” di una volta, dunque e porte […]
Cervelli in fuga - 16 novembre 2012

Londra, il ‘lato B’: stipendi bassi, mercato saturo e camerieri con laurea

Londra Un secolo dopo i bisnonni, gli italiani tornano ad emigrare in massa verso Londra, ancora considerata città di opportunità e meritocrazia. Ma non sempre riescono a trovare quel che cercano. Oltre ai racconti a lieto fine di accademici e lavoratori altamente qualificati ci sono migliaia di giovani emigranti che oggi non arrivano con la valigia […]
FQ Magazine - 14 agosto 2012

E’ bufera nel mondo della musica dance “Dj Mag pubblica interviste-spot per soldi”

l rapporto pubblicato dal blog EDMsnob, una sorta di “wikileaks” della pista da ballo, sta scatenando un vero e proprio terremoto nel mondo del clubbing. Sotto accusa c’è DJ Mag, la principale rivista di settore, accusata di aver mandato al macero le regole fondamentali dell’informazione pubblicando, in cambio di denaro, storie di copertina e interviste […]
Mondo - 7 agosto 2012

Olanda, la legge che vieta gli spinelli ai turisti si dimostra un fallimento

“L’introduzione del wietpas? Uno straordinario successo. In Limburgo i turisti della cannabis sono solo un ricordo”. Ne è convinto Ilvo Opstelten, ex ministro della Giustizia olandese, commentando il primo periodo di applicazione della controversa riforma che limita l’acquisto di cannabis presso i coffee shop ai soli residenti nei Paesi Bassi. La misura, che per il […]
Mondo - 6 luglio 2012

Amsterdam, polizia dotata di body scanner. “Strumento discriminatorio”

Il comune di Amsterdam vuole dotare la polizia di body scanner “portatili” che consentano di ‘guardare’ attraverso i vestiti dei sospetti e di individuare facilmente armi o altri oggetti non consentiti. Non si tratta di una promessa “elettorale” giustizierista di Geert Wilders ma di un annuncio del primo cittadino della capitale olandese, il sindaco laburista […]
Diritti - 1 maggio 2012

Maastricht, nei coffeeshop con il pass. Azioni dimostrative e polemiche

Sul lungo rettilineo di frontiera che collega il Limburgo belga con l’omonima provincia del sud dell’Olanda, erano spuntati negli ultimi giorni diversi segnali stradali luminosi che davano il benvenuto nel paese annunciando la fine, fissata per il I maggio, della “politica delle porte aperte” per i coffeeshop, le caffetterie olandesi dove dal 1976 è possibile […]
Mondo - 23 aprile 2012

Olanda, cade il governo di Mark Rutte sull’austerity imposta da Bruxelles

La coalizione di minoranza che ha guidato i Paesi Bassi per 584 giorni, con l’appoggio determinante del partito del leader razzista ed islamofobo Geert Wilders, si è dissolta. Il premier conservatore Mark Rutte, in carica da ottobre 2010, dopo quasi due ore di colloquio presso la residenza della Regina Beatrice, ha rimesso il suo mandato […]
Siria, “accordo Usa-Russia”. 7 giorni per la lista, 30 per distruggere prime armi
Elezioni Germania, il tracollo dei Verdi favorisce la riconferma della Merkel

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×