/ / di

Loretta Napoleoni Loretta Napoleoni

Loretta Napoleoni

Economista

Sono un’economista ed ho lavorato a lungo in finanza a Londra e San Francisco. Da più di 20 anni studio il terrorismo e collaboro con governi ed organizazioni internazionali. Nel 2005 ho presieduto il gruppo di esperti sul finanziamento del terrorismo per la conferenza internazionale su terrorismo e democrazia organizzata dal Club de Madrid. Ho anche collaborato con con numerose forze dell’ordine, tra cui la Homeland Security statunitense, l’International Institute of Counter-Terrorism israeliano, la polizia catalana e l’esercito Turco. Ho insegnato alla Judge Business Schools di Cambridge e nel 2009 sono stata invitata come relatrice alla Ted Conference sui temi del terrorismo. Tra gli incarici attuali Faccio parte del comitato scientifico del think tank Fundaciones Ideas creata dall’ex primo ministro spagnolo José Luis Rodriguez Zapatero, sono socia fondatrice di una società di consulenza Britannica che si occupa di terrorismo e pirateria e presidente di Food Freedom. Ho scritto molti libri tra cui Terrorismo SPA, Economia Canaglia e Maonomics, sono tradotta in 18 lingue, incluso l’arabo ed il cinese. L’ultimo si intitola ISIS, lo stato del terrore, uscito in 20 nazioni. Sono editorialista per diverse testate straniere tra cui El Pais ed il Caffè, in Italia scrivo per il Venerdi della Repubblica ed il Fatto.it.(maggiori info su www.lorettanapoleoni.net)

Blog di Loretta Napoleoni

Economia Occulta - 4 dicembre 2016

Cuba, altro che accordo con gli Stati Uniti. Il vero alleato è la Cina

Pedestrians walk past pictures of Cuban former President and leader of the revolution Fidel Castro and his brother Raul before his funeral in Santiago de Cuba, Cuba, 03 December 2016. EFE/Ernesto Mastrascusa Barack Obama non andrà ai funerali di Fidel Castro e Donald Trump ha definito il leader della rivoluzione Cubana un dittatore. A Cuba le aspettative riguardo all’accordo con gli Stati Uniti sono basse, ma lo erano anche prima di questi eventi. Nessuno crede che le cose cambieranno radicalmente o rapidamente. Dopo quasi 60 anni di […]
Economia Occulta - 20 novembre 2016

Referendum, perché il Sì serve a Renzi per salvare Mps (e tutte le altre banche)

mps-675 All’inizio dell’anno, i guru dell’alta finanza sostenevano che Brexit e l’elezione di Donald Trump avrebbero prodotto due choc così forti da mettere a repentaglio la sopravvivenza del sistema finanziario, in altre parole potevano creare una crisi della portata del crollo della Lehman Brothers. Certamente la Brexit ha prodotto il crollo della sterlina e continua ad […]
Economia Occulta - 6 novembre 2016

Elezioni Usa 2016, quali saranno le conseguenze per l’economia mondiale?

trump-vs-clinton-debate-675 Il più grande e avvincente reality dell’era moderna si sta per chiudere, martedì gli americani andranno alle urne e decideranno chi sarà il loro presidente. Un grande fratello in stile Jerry Springer, pieno di insulti e minacce, il tutto sullo sfondo del declino degli Stati Uniti d’America, una nazione che ormai ha ben poco da […]
Mondo - 23 ottobre 2016

Guerra in Iraq: Mosul sarà ripresa, ma più di un milione di civili cercheranno rifugio

migranti_675 Da settimane si prepara l’attacco per riconquistare Mosul e da settimane le Nazioni Unite mettono in guardia contro il disastro umanitario che questo produrrà. Più di un milione di civili fuggiranno in cerca di un rifugio. Secondo le Nazioni Unite circa 700mila persone avranno bisogno di aiuti e assistenza immediati: abitazioni, cibo, acqua, per sopravvivere […]
Economia Occulta - 9 ottobre 2016

Clinton e i conti che non tornano nella fondazione di beneficenza della candidata democratica

clinton_675 La buccia di banana sulla quale la prima candidata donna alla presidenza degli Stati Uniti potrebbe scivolare non sono le email segrete inviate da un server privato quando Hillary Clinton era Segretario di stato, ma il ruolo che la Fondazione Clinton ha avuto nella ricostruzione di Haiti all’indomani del terremoto. Da mesi volano le accuse […]
Mondo - 25 settembre 2016

Erdogan e la ‘zona di sicurezza’ in cui vuole chiudere profughi (e curdi)

erdogan-675 Nel suo discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, tenutosi lo scorso martedì durante l’incontro internazionale per risolvere l’emergenza profughi, il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha accusato l’Unione europea di non adempiere ai propri impegni riguardo all’accordo stipulato sui rifugiati siriani. “Purtroppo non sono state mantenute le promesse fatte dall’Ue alla Turchia”, ha dichiarato Erdogan. […]
Mondo - 11 settembre 2016

11 settembre, perché lo jihadismo è diventato un’ideologia globale?

torri gemelle_675 A 15 anni dall’attacco contro le torri gemelle una nebulosa di gruppi jihadisti ha rimpiazzato al Qaeda. Alcuni, come l’ISIS, con pretese nazionaliste sono riusciti a conquistare vasti territori e ad autoproclamarsi una nazione, il Califfato. Sebbene Osama bin Laden sia morto e il suo corpo sia stato dato in pasto ai pesci dell’Oceano indiano, […]
Mondo - 28 agosto 2016

Il terrorismo non si sconfigge con la guerra, ma con l’arma diplomatica e politica

siria persone 675 La politica è l’arte del compromesso e il potere si mantiene cambiando bandiera prima che giri il vento. Una serie di eventi, in gran parte concretizzatisi questa settimana, sembrano confermare questa massima che molti definirebbero politically incorrect. Il primo è la creazione dell’asse Ankara, Mosca, Damasco, l’embrione di una nuova alleanza che presto si allargherà anche […]
Mondo - 14 agosto 2016

Crimea, ancora tensioni tra Russia e Ucraina. Siamo di fronte a una nuova guerra fredda?

Ucraina-ritiro-mezzi-pesanti-675 Si riaccende la tensione tra l’Ucraina e la Russia e leggendo le notizie si ha l’impressione di vivere un déjà vu della guerra fredda, quando Mosca e Washington fabbricavano notizie per giustificare i loro screzi militari che si svolgevano lungo il confine della loro sfera d’influenza. Oggi, la frontiera tra l’Ucraina e la Crimea, rappresenta una delle linee di demarcazione […]
Mondo - 31 luglio 2016

Ue, lo scandalo degli ‘aiuti militari’ al Sudan in chiave anti-migrazione

bashir_675 Da mesi si parla principalmente di economia in relazione all’Europa Unita, in particolare per mettere a nudo le contraddizioni della gestione politica di Bruxelles. Tuttavia esistono altre zone d’ombra nel ‘governo dell’Ue’, altrettanto sconcertanti, che non vengono mai menzionate. Tra queste, forse tra le più preoccupanti c’è quella dei cosiddetti ‘aiuti’ allo sviluppo a governi […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×