Saviano, le Olimpiadi, Crozza, Cannavacciuolo, il grande basket ma anche Rovazzi, Gianni Morandi e Peter Gomez. Sono solo alcuni dei protagonisti della nuova stagione di Discovery Italia la cui parola d’ordine è appunto senza limiti. I nuovi palinsesti seguiranno due direzioni: da una parte la conferma dei programmi di maggior successo dello scorso anno e dall’altra la proposta di nuovi contenuti con format inediti e spesso sperimentali. “Abbiamo chiuso un altro anno di successi, ma consiglio di non sottovalutare la nostra fame di risultati. L’anno scorso siamo sempre cresciuti e vogliamo farlo ancora”, ha detto Marinella Soldi, Evp e a capo di tutta l’area del Sud Europa per Discovery Network.

L’emittente nel 2017 ha chiuso con il 7,2% di share, in crescita del 6% rispetto all’anno precedente. Per migliorare ancora si punterà sia sui canali in chiaro che su quelli pay. Nel primo caso l’attenzione sarà ancora incentrata sul Canale 9, il generalista di Discovery. Si parte il 22 settembre con Fratelli di Crozza, in cui il comico genovese porterà sul piccolo schermo la nuova imitazione dell’uomo politico del momento, il ministro dell’Interno Marco Minniti. Ma la vera novità (in onda da ottobre) sarà Kings of Crime, la prima serie factual di Roberto Saviano dove verranno raccontate le vite di alcuni grandi boss della malavita (Antonio Pelle, Paolo Di Lauro, El Chapo Guzman e un faccia a faccia con il collaboratore di giustizia, Maurizio Prestieri).

Nel palinsesto Discovery subito dopo il programma di Saviano andranno in onda le interviste di Peter Gomez nel programma “La Confessione” (di Loft Produzioni) in onda l’11 e il 18 ottobre (ore 23), dove il direttore de ilfattoquotidiano.it e di FQ Millennium racconterà il lato oscuro del potere attraverso le vite di alcuni protagonisti dell’attualità italiana: da Emilio Fede a Lele Mora passando per Alex Schwazer e Vittoria Schisano. Canale 9 offrirà inoltre la serie originale Tutta la verità  (i casi di cronaca nera – dalla vicenda Sara Scazzi a Rosa e Olindo – raccontati come fossero dei film) e i programmi con Siani-De Sica, Carlo Cracco e la coppia Morandi-Rovazzi. Non mancherà infine Antonino Cannavacciuolo con il suo “Cucine da Incubo”, ‘O mare mio e con il nuovo format “Ci pensa Antonino”, una sorta di sitcom che svelerà anche dei particolari della vita privata dello chef napoletano.

Ma la forza di Discovery è di non fermarsi al generalista. Per questo verrà rafforzato Real Time, il primo canale nativo digitale sulle donne, che presenterà il nuovo “Da qui a un anno”: un programma in cui persone comuni per un anno interno proveranno a raggiungere i loro piccoli obiettivi. Poi non mancheranno nuove proposte per i canali dedicati a più piccoli come K2 e Frisbee e agli uomini come D-Max. “Il nostro è un portafoglio ampio perché stiamo parlando di veramente tanti canali che cercano di parlare a tutte le audience ma soprattutto ad audience di qualità abbiamo investito tantissimo proprio per differenziare i nostri canali”, ha dichiarato Alessandro Araimo: EVP General Manager Discovery Italia a margine della conferenza stampa di presentazione dei palinsesti per la stagione 2017-2018. Per quanto riguarda i canali pay, invece, l’offerta più interessante riguarda gli eventi sportivi live. Il network Eurosport, infatti, si è assicurata i diritti per le Olimpiadi invernali di PyeongChang (Febbraio 2018), il rugby, il campionato italiano di basket e l’Eurolega, oltre alla Vuelta di Spagna (per quanto riguarda il ciclismo) e gli Us Open di Tennis.