Niente Rolex, niente sex toys, ma solo spazzatura. L’azienda Hera incaricata di pulire il Modena park, all’indomani del mega concerto di Vasco Rossi, non conferma quanto riportato da alcuni organi di stampa in relazione ai bizzarri ritrovamenti nel pratone ospitante il concerto. “L’area è tutt’ora un cantiere – le parole della ditta – Le pulizie all’interno del parco Ferrari sono ancora in corso. Non confermiamo alcun ritrovamento”.

Stando all’elenco rimbalzato nelle testate durante tutta la giornata sarebbero stati ritrovati: 111 smartphone; 3 Tablet, 1.200 mazzi di chiavi; 670 paia di occhiali; 120 confezioni di preservativi; 1 Rolex Submariner (in acciaio); 51 carte di credito; 170 scarpe; 1 pigiama da uomo; 2 stampelle; 29 felpe; 60 reggiseni; 2 materassini gonfiabili; oltre 2 mila euro contanti, divisi in diversi portafogli; 1 confezione di 12 assorbenti per adulti incontinenti; 33 sacchi a pelo; 1 statuetta in legno di Padre Pio; 28 sex toys. Un numero incalcolabile di cappellini, bandane e polsiere.