Qualche tempo fa avevo sostenuto la possibilità e l’opportunità di liberarsi di Renzi in tre mosse. Tutto giusto e tutto puntualmente verificatosi. Non avevo però fatto i conti con l’animalesca pervicacia del soggetto, abbarbicato in modo inestricabile alle sue poltrone, insieme alla sua corte di nani e ballerine, dottorati sospettati di plagio, incompetenti disastrosi dall’aria pateticamente “responsabile” e professorale, intrallazzatrici bancarie e intrallazzatori vari. Però, dopo l’ennesima batosta elettorale di domenica, voglio tornare alla carica e chiedergli con il massimo candore possibile: Matteo, ma perché non lasci perdere?

Intendiamoci. Se vuole continuare, tanto di guadagnato, da un certo punto di vista. Infatti sta trascinando con sé nella tomba il Pd e il sistemino di potere messo in piedi in questi ultimi anni, che tanti danni sta facendo all’Italia, specialmente a quella che lavora e a quella che non lavora e sprofonda sempre di più nella miseria, nell’indifferenza totale delle istituzioni e di un ceto politico attento solo alla propria sempre più autoreferenziale sopravvivenza.

Allargando però un po’ le nostre visuali, è facile rendersi conto di come, liberandoci subito e senza ulteriori incancrenimenti della situazione della presenza di questa malriuscita caricatura del di per sé pessimo Tony Blair, avremmo tutti quanti da guadagnare. Tranne forse Berlusconi e Salvini che stanno mietendo immeritati successi approfittando degli spazi offerti loro dal dilettante di Rignano e dalla sua rovinosa decadenza.

Occorre però chiedersi fino a che punto sia recuperabile a una dialettica democratica un Pd oramai infettato a fondo dal virus del decisionismo privo di sostanza e dell’amore per l’esercizio del potere fine a se stesso. Per sopravvivere il pessimo governante ha fatto ingoiare al Paese numerosi provvedimenti volti solo a salvaguardare gli interessi delle lobby sciagurate, Confindustria e banche varie in testa, che stanno massacrando il nostro Paese e risultano del tutto prive di idee in positivo, riuscendo sempre e solo a perpetuare i malefici meccanismi di sfruttamento ed esclusione sociale che sempre più lo affondano nelle sabbie mobili della crisi, a questo punto non solo economica ma anche e soprattutto ideale, e lo deprivano di ogni prospettiva di futuro.

E’ ad ogni modo necessario ed urgente apprestare strumenti e idee per l’alternativa, il cui spezzone fondamentale deve essere una sinistra autentica, come quella raccolta al Teatro Brancaccio domenica 18 giugno da Anna Falcone e Tomaso Montanari. E’ solo laddove una sinistra di questo genere riesce ad organizzarsi, raccogliendo vaste adesioni popolari, che si riesce a contenere la resistibile ascesa di una destra a sua volta bollita e che si fa forte solo della debolezza altrui, oltre che del fallimento storico di Matteo Renzi. Renzi, infatti, avrebbe voluto trapiantare nella sinistra le peggiori idee della destra ma, come sempre accade in questi casi, ha ottenuto solo il risultato di rafforzare i detentori originali di tali idee, che oggi tornano alla ribalta anche in posti come Genova e Sesto San Giovanni, luoghi simboli di una grande e tradizione che non meritava certo un epigono rottamatore del genere. Organizzare in modo autonomo una sinistra che sappia tornare ad essere espressione delle esigenze e della partecipazione popolare è anche condizione indispensabile per interloquire in modo costruttivo con il Movimento Cinque Stelle, contrastandone le pulsioni a volte destroidi e razziste.

La destra ringalluzzita incombe sulle macerie del renzismo. Sarebbe ora che, per porre fine a questo scempio, il rottamatore rottamasse se stesso. Quindi, Matteo, se finalmente te ne tornerai a casa farai un favore a tutti noi e in ultima analisi anche a te stesso. Se invece, come si teme, continuerà la tua agonia politica e con essa quella del partito di cui ti sei impadronito senza troppa difficoltà, emergerà con ancora maggior nettezza l’esigenza di una forza politica di sinistra che sappia operare una reale discontinuità rispetto ai fallimenti politici del passato. Una sinistra capace di intercettare la rabbia e la voglia di cambiare dei giovani, come sta facendo Jeremy Corbyn in Gran Bretagna. Occorre rompere ogni ponte con una  storia poco onorevole che non è cominciata certo con te, anche se hai operato una significativa accelerazione nell’abbandono di ogni giusta causa e nella costruzione di un muro invalicabile con le esigenze e i sentimenti delle persone in carne ed ossa. Persone oggi più che mai disorientate, umiliate ed offese dalle pessime scelte politiche dell’ultimo ventennio, come dimostrato anche dall’aumento senza precedenti dei tassi di astensionismo elettorale e dalla profonda sfiducia nella partecipazione democratica che stanno colpendo il nostro Paese. Sicuramente non dobbiamo disfarci solo di te Matteo, ma sarebbe, intanto, un ottimo inizio nella giusta direzione.