Prendi Arisa, Alberico Lemme e il salotto domenicale di Barbara D’Urso. Il peggiore incubo trash di un telespettatore? No, o almeno non solo. La verità è che nell’ultima puntata di Domenica Live, la cantante lucana era ospite della D’Urso e alla fine di una lunga chiacchierata ha confessato di essere stata “cadetta” del discusso signore delle diete choc.

“Sono andata da lui e ho cominciato a fare la roba degli spinaci. Però sono svenuta e gli ho detto al telefono ‘Lei è un truffatore’. Volevo i soldi indietro ma non me li ha dati!”.

Barbara D’Urso non poteva sperare in un collegamento migliore tra l’intervista ad Arisa e la parte successiva della trasmissione, dedicata per l’ennesima volta al solito teatrino ultratrash tra Lemme e i suoi comprensibili detrattori. “Quanti soldi doveva ridarti?”, ha chiesto la conduttrice napoletana. “Duecentocinquanta euro? Ok, adesso glieli chiedo io”. Ma Lemme ha risposto picche, asserendo di essere stato lui a cacciare Arisa e a scegliere di non averla più tra i suoi “cadetti”.

Il farmacista che volle farsi personaggio tv (purtroppo riuscendoci) ha poi dato il solito spettacolo: insulti agli altri ospiti come di consueto e addirittura un video musicale ultratrash (“Yo yo cicciò” è il ritornello della sua sgrammaticata e orrenda canzoncina rap) realizzato con la collaborazione di qualche personaggio noto, a cominciare da Francesca Cipriani e da Maurizio Mattioli.