Tutti i giorni la realtà si incarica di smentire la visione del mondo paranoica e razzista che costituisce una via d’uscita davvero a buon mercato dalle difficoltà di interpretazione del mondo attuale. Vediamo ad esempio quanto accaduto a Bergamo, dove uno scippatore autoctono è stato bloccato da due profughi nigeriani e consegnato alle forze dell’ordine. Roba da far venire un attacco di bile a Matteo Salvini, che da anni si sforza di convincerci che clandestini, migranti, profughi e simili costituiscono il vero problema dell’Italia e la minaccia alla sicurezza dei cittadini. Il che è davvero poco sostenibile, specie in un Paese dove l’Italia dove territori sempre più ampi (compresi sempre più quelli del Nord) sono alla mercé di una serie ampia e articolata di mafie che prosperano per l’assenteismo di poteri pubblici spesso inefficienti e corrotti (compresi ovviamente molte volte quelli della Lega Nord).

Il progetto politico di Salvini, se così possiamo denominarlo, si basa, come quello di Trump, sul ricorso sistematico alla discriminazione, razziale o di altra natura, come soluzione dei problemi sociali. Ciò avviene esaltando episodi deteriori di razzismo minore, come quello avvenuto a Follonica con le due Rom rinchiuse in gabbia. Un brutto episodio che andava sicuramente condannato ma senza ingigantirne la portata, chiedendo ai giovani lavoratori che se ne erano resi responsabili di fare ammenda e restaurando un clima di comprensione civile che mettesse al bando ogni razzismo. Invece che ti fa il buon Salvini? Esprime “solidarietà ai lavoratori” nell’intento di attribuire una dignità politica a comportamenti ingiustificabili da ogni punto di vista. Salvini è con i lavoratori quando sfogano le loro frustrazioni sui più devoli, in altre occasioni è con Marchionne e con i padroni in genere. Sempre dalla parte del più forte.

Davvero inaudito e incredibile quello che è successo ieri a Napoli, dove prefetto e governo hanno imposto antidemocraticamente la presenza di Salvini ordinando alla Mostra di Oltremare di ospitare la sua manifestazione alla quale hanno partecipato solo pochi aficionados. Dietro la presa di posizione del Prefetto c’è la decisione del tale Minniti, ministro dell’Interno del governo tappabuchi nato dopo la sconfitta referendaria di Renzi & C. , di cui occorre augurarsi al più presto la dipartita. Dopo gli scontri tra le forze dell’ordine e qualche centinaio di manifestanti, Salvini ha rincarato la dose, annunciando la sua intenzione di tenere la prossima manifestazione a piazza Plebiscito. E’ evidente come il leader della Lega tenti costantemente di elevare il livello dello scontro con le sue provocazioni.

Si afferma che il rispetto delle regole democratiche impone comunque quello del diritto di Salvini a manifestare esprimendo, per così dire, il suo “pensiero”.  Ma occorre chiedersi perché mai i napoletani dovessero tollerare la presenza sul loro territorio di un “poeta” che qualche anno fa declamò pubblicamente la seguente filastrocca: ““Senti che puzza / scappano anche i cani / Sono arrivati i napoletani … / Son colerosi e terremotati / con il sapone non si son mai lavati … / Napoli merda / Napoli colera”. Si badi bene che non si tratta solo di goliardia, per quanto deteriore. Non sono solo cori da stadio, ma la “filosofia politica” di una formazione come la Lega Nord che, nell’attuale situazione di crisi e disastro sociale che sta vivendo l’Italia per colpa di chi fin qui ha solo fatto finta di governarla, vuole trarre un capitale di consensi dall’odio nei confronti di determinate categorie sociali.

Non è casuale che Salvini abbia scelto proprio Napoli per inscenare la sua provocazione. Si tratta infatti della città che è sede di un esperimento, molto avanzato e molto di successo, di governo che si basa su di un ampio consenso della cittadinanza e sul rapporto tra amministrazione e movimenti sociali, in netta controtendenza sia rispetto ai fallimenti targati Pd o destra (Lega compresa), sia rispetto ai farfugliamenti tipo Raggi che non stanno certo facendo del bene a Roma. Quello che è certo che il ripudio dei napoletani nei confronti di Salvini è totale e incondizionato e fatalmente si estende al governo che ne ha voluto imporre la sgradita presenza alla città.

Bisogna chiedersi se il leader della Lega Nord rappresenti oggi solo un’espressione folkloristica, ovvero solo un avventuriero politico un po’ patetico in cerca di pubblicità a tutti i costi, ovvero anche il tentativo di esasperare, nella e grazie alla crisi, determinati sentimenti di odio sociale e la ricerca del capro espiatorio, secondo uno schemino già visto all’opera con risultati disastrosi qualche decennio fa in Europa. In questa ultima eventualità non andrebbe certamente preso sottogamba, specie considerando il clima di intolleranza razziale e di disattenzione nei confronti dei più elementari principi di umanità che si sta creando in varie parti del mondo. Brodo di coltura infetto e contagioso per le peggiori aberrazioni di stampo razzista. Un bacino di odio e inciviltà che va prosciugato con tutti i mezzi opportuni.