Guardare avanti dopo la grande delusione di Federica Pellegrini. Il 10 agosto forse è la giornata più importante per l’Italia ai Giochi di Rio de Janeiro 2016. Perché c’è da riscattare il quarto posto della portabandiera azzurra e rimettersi in marcia nel medagliere. E perché c’è la gara forse più attesa di tutta l’Olimpiade: la prova individuale del fioretto femminile di Arianna Errigo e Elisa Di Francisca, entrambe da medaglia. E molto altro: sempre nella scherma l’olimpionico Aldo Montano nella sciabola, forse all’ultima gara della carriera. Nella boxe Clemente Russo in quella che sarà una vera e propria finale anticipata contro il russo Tischenko, tanto tennis con il doppio Errani-Vinci e il big match di Fabio Fognini che sfida il campione in carica Andy Murray negli ottavi. E anche il tiro a volo con il double trap.

SCHERMA: FIORETTO DONNE E MONTANO – È un programma intenso, fitto e molto lungo. Che comincia già alle 13.30 italiane, con la prova a cronometro femminile in cui l’Italia punta ancora su Elisa Longo Borghini, fresca di bronzo nella prova in linea. E finirà molto tardi, con la finale più attesa della gara più attesa a notte inoltrata. Quattro anni fa il fioretto femminile regalo una storica tripletta, con Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Valentina Vezzali sul podio di Londra. Stavolta sarà impossibile ripetere la doppietta: il tabellone ha sorteggiato dallo stesso lato la giovane Errigo, favorita, e l’olimpionica Di Francisca; soltanto una potrà arrivare in finale. L’oro è l’obiettivo minimo. Nella scherma, però, è il giorno anche di Aldo Montano, l’olimpionico di Atene che a 37 anni ha ancora voglia di stupire nella sciabola maschile (dove ci sarà anche Diego Occhiuzzi). Eliminatorie nel pomeriggio, finali solo dopo l’1 di notte. Ma vale la pena di restare svegli: da queste due gare potrebbero arrivare anche tre medaglie.

RUSSO E FOGNINI – Non ci sarà da annoiarsi nel pomeriggio. Non è una finale, ma è come se lo fosse quella di Clemente Russo nei pesi massimi di pugilato: alle 18.30 Tatanka affronta nei quarti il russo Tischenko, grande favorito della categoria, per una sfida senza ritorno per entrambi. Prima di lui nella boxe alle 16 ci sarà anche l’incontro di Manuel Cappai. Appuntamenti importanti anche col tennis: nel doppio femminile la coppia Errani-Vinci sente l’odore di una storica medaglia: nei quarti affrontano dalle 17.30 le ceche Strycova-Safarova, ostiche, giustizieri delle sorelle Williams, ma alla portata. Vincere vorrebbe dire andare a giocare come minimo per il bronzo. Nel singolare maschile, invece, alle 18.45 Fabio Fognini (che nella notte purtroppo ha perso male in doppio con Andreas Seppi contro i canadesi Nestor-Pospisil) sfida negli ottavi l’olimpionico in carica Andy Murray, in un match di sicuro spettacolo.

VOLLEY, TIRO E ANCORA PELLEGRINI – Alle 16.35 match già cruciale per l’Italvolley femminile contro l’Olanda, dopo la pesante sconfitta all’esordio con la Cina. Alle 18 il Settebello di pallanuoto contro il temibile Montenegro. Serata ancora dedicata al tiro a segno, sperando in nuove soddisfazioni dai “cecchini” azzurri: alle 20 la finale del double trap maschile, dove Antonino Barillà e Marco Innocenti puntano al podio (ma dovranno prima qualificarsi, a partire dalle 14). Quando poi sarà quasi già giovedì mattina, ancora nuoto e ancora Federica Pellegrini: alle 4.55 c’è la finale della staffetta 4×200, in cui le azzurre nel 2015 hanno vinto l’argento mondiale. La portabandiera ha un’ultima occasione per riscattare i suoi Giochi (ma anche qualificarsi dopo la delusione non sarà facile: batterie alle 19.35). Dalla Pellegrini alla Pellegrini, sperando che il finale sia diverso.

Twitter: @lVendemiale