I film più belli dell’ultima annata? Il critico cinematografico Massimo Bertarelli ha selezionato tre pellicole che, a suo parere, meritano lo scettro di ‘film migliori del 2016’.

Al terzo posto spicca l’ultimo western di Quentin Tarantino, “The Hateful Eight”. “Non è per me il miglior Tarantino” – osserva il giornalista – “ad esempio, ““Bastardi senza gloria”, per citare uno dei suoi ultimi lavoro, lo sopravanza di gran lunga, però è sempre un gran bel vedere. Ci sono momenti di grandissimo cinema e scene memorabili, come quella della carrozza sulla neve commista al sangue, che ricorda “Ombre rosse” di John Ford: un vero capolavoro di tensione”.

In seconda posizione, Bertarelli colloca “Perfetti sconosciuti” di Paolo Genovese: “E’ la grande sorpresa e il grande successo della stagione. E’ un film di una perfidia assoluta, ma al tempo stesso molto spiritoso, con dialoghi scintillanti e con un cast di sette attori, uno più bravo dell’altro. Un mix perfetto“.

Medaglia d’oro, invece, al “Il ponte delle spie”, diretto da Steven Spielberg e avente per protagonista Tom Hanks. “Questo film vince su tutti” – spiega Bertarelli – “alla faccia, anche mia, di chi diceva che Spielberg fosse finito. Qui invece abbiamo un regista completamente ritrovato. Si tratta di un giallo spionistico basato su una storia vera degli anni ’60. Grande Tom Hanks e grandissimo Mark Rylance, che ha vinto giustamente l’Oscar. E’ un film, insomma, che non ci si stanca mai di rivedere. Un vero capolavoro. Giù il cappello di fronte al grandissimo Spielberg“.

Regia di Samuele Orini, testo di Gisella Ruccia, collaborazione di Simona Marfè