Alle nostre latidutini forse ci facciamo caso meno, sbagliando, ma negli Stati Uniti il grado di soddisfazione dei clienti è una roba maledettamente seria. E come tali vengono considerate le classifiche dei marchi che più vengono apprezzati dagli autombilisti.

Ebbene nel 2016, per la prima volta negli ultimi 27 anni in America, l’importante trofeo IQS (Initial Quality study) di JD Power è stato assegnato ad un costruttore che non opera nella fascia premium, bensì in quella mainstream. Generalista, insomma. Si tratta della Kia, che ha conquistato il primo posto battendo Porsche di una lunghezza (83 a 84 punti). Migliorando il risultato del 2015, quando si era piazzata seconda, ma prima tra i brand non premium.

Risultato particolarmente lusinghiero per i coreani, anche considerando che al terzo posto si è piazzata la Hyundai, seguita da Toyota e Bmw. La vittoria della Kia comunque è stata inequivocabile, anche perchè oltre che nella classifica generale ha primeggiato anche nelle categorie suv con la Sportage e mpv compatti con la Soul. E pensare che il marchio era entrato nella top ten dei costruttori valutati solo nel 2013.

Quanto al meccanismo di valutazione, va detto che JD Power tiene conto delle segnalazioni e dei passaggi in officina delle auto nuove vendute negli Usa, nei primi 90 giorni dalla immatricolazione. Gli stessi responsabili della ricerca, arrivata alla sua trentesima edizione, hanno sottolineato come la qualità complessiva delle auto prese in esame è cresciuta quest’anno del 6%, raddoppiando il trend generale (+3%) riscontrato nel 2015.